Rocca di Papa e la «rottura di cojoni» della manifestazione di CasaPound contro i migranti della Diciotti | VIDEO

di Redazione | 29/08/2018

Rocca di Papa

La sintesi perfetta di quanto sta accandendo in queste ore ai migranti della nave Diciotti che saranno ospitati a Rocca di Papa (il paese laziale ospiterà 100 persone che hanno vissuto l’odissea del blocco nel porto di Catania) è stata fatta da un cittadino di Marino presente sul posto. Mentre stava parlando, un gruppo di militanti di CasaPound stava protestando contro l’accoglienza dei migranti nel comune laziale.

LEGGI ANCHE > Rocca di Papa, la protesta contro l’arrivo dei 100 migranti: «Sindaco, sei su Marte?»

Rocca di Papa, CasaPound è una «rottura di cojoni»: il video di In Onda

Interpellato dalla giornalista della trasmissione In Onda (La7), un cittadino che si definisce antifascista e che ha cantato, insieme ad altre persone, Bella Ciao per opporsi alle proteste dei militanti di CasaPound, ha sintetizzato il percorso fatto dai migranti fino a questo momento: «’Sti poveracci – dice con un accento romanesco molto pittoresco – hanno attraversato il Mediterraneo, sono rimasti bloccati per giorni sul ponte della nave Diciotti, si sono fatti dieci ore di pullman per arrivare sin qui e ora devono sorbirsi pure la rottura di cojoni dei fascisti che protestano».

Rocca di Papa, le parole del manifestante sono virali sui social network

La persona intervistata, originaria di Marino, mette in dubbio il fatto che i manifestanti di CasaPound siano tutti del posto e ritiene che questa manifestazione organizzata dal gruppo di estrema destra altro non sia che una protesta politicizzata e strumentale. Per questo motivo, le sue parole hanno sortito un effetto così dirompente ai microfoni della trasmissione e, successivamente, sui social network.

Le parole del manifestante, infatti, hanno fatto rapidamente il giro del web, diventando virali.

[Screenshot della trasmissione In Onda – La 7; collegamento in diretta da Rocca di Papa]