miranda Martino
|

La cantante Miranda Martino e quelle foto compromettenti che le hanno stroncato la carriera

Ora che ha quasi 85 anni, Miranda Martino ha la consapevolezza che raccontare quello che le è successo nel mondo della canzone italiana degli anni Sessanta può aiutare un processo di crescita e di maturazione di un ambiente intero. La cantante promettente, che si era fatta larga nel mondo dello spettacolo italiano, in un libro parla della sua carriera resa difficile da un abuso. All’epoca del #MeToo, le sue parole assumono un tono completamente diverso.

LEGGI ANCHE > Le battute di Gino Paoli ad Amici sulle ‘molestie’ alla De Filippi fanno infuriare il movimento #MeToo

Miranda Martino, gli episodi che hanno segnato la sua carriera

Nel suo libro Caduta in un gorgo di torbide passioni – L’autobiografia di una diva della canzone italiana, Miranda Martino svela tutti i retroscena di quella che poteva essere una carriera luminosa e che, invece, si è trasformata in un incubo. La cantante, che ha dovuto vivere sempre sul filo di un successo che dava e toglieva, senza una continuità che potesse assicurarle una vita serena, ha fatto i conti con due episodi che l’hanno segnata nel profondo.

Il primo avvenne quando ancora non era conosciuta: un ragazzo, incontrato su un tram, le offrì di accompagnarla a casa. In pochi minuti si trasformò nell’orco che la violentò, con una forza tale da lasciarla senza fiato. Il racconto di quella esperienza non trovò il riscontro di una comprensione familiare che sarebbe stata fondamentale per una giovane ragazza che proprio in quegli anni si stava affacciando al mondo per comprenderlo.

Miranda Martino e l’accusa di aver partecipato a orge

Poi, una volta entrata a far parte del mondo dello spettacolo, il tranello teso da quello che lei definiva il suo maestro e di cui si era innamorata, fino a fidarsi di lui. Uno dei più importanti uomini che in quegli anni avevano potere in Rai – dove Miranda Martino aveva strappato un contratto – la fotografò mentre stava facendo sesso con due uomini. Proprio quei negativi e quelle fotografie compromettenti le impedirono di partecipare al Festival di Sanremo del 1959 al quale era data come sicura protagonista. La Rca, la sua casa discografica, afferma con imbarazzo che è contraria alla sua partecipazione a causa della condotta morale.

Nell’Italia degli anni Sessanta, una fotografia di quel genere – sebbene scattata da persone che del mondo dello spettacolo facevano parte – aveva il potere di rovinare un’ascesa. Quelle stesse fotografie continuano a perseguitarla e qualche anno fa qualcuno minacciò addirittura di pubblicarle su internet. Una storia che apre un’ampia riflessione anche sul mondo della musica e dello spettacolo, dopo il tanto inchiostro versato per quello che è accaduto in quello del cinema.

[FOTO: Napoli – 06 / 1996
Commedia teatrale ” Buonanotte Bettina ” regia di Augusto Zucchi
Nella foto: Miranda MARTINO, Benedicta BOCCOLI e Elio VELLER
Ph. C.E.N. / FARABOLAFOTO]