Il governo vuole rottamare gli 80 euro di Renzi in busta paga?

di Redazione | 09/08/2018

80 euro

Il governo vuole rottamare gli 80 euro di Renzi in busta paga. È quanto emergerebbe dal vertice che si è tenuto ieri sera a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i ministri economici, un faccia a faccia che ha aperto il confronto del governo sulla manovra finanziaria per il 2019, che dovrà essere presentata ad ottobre. Ne parla oggi il Corriere sella Sera in un articolo a firma di Mario Sensini. I due partiti maggioranza, Movimento 5 Stelle e Lega, avrebbero deciso di eliminare il bonus per i lavoratori dipendenti sotto i 26mila euro di reddito per recuperare risorse utili per un taglio delle tasse, in particolare per l’avvio della flat tax, una delle principali promesse elettorali del Carroccio, messa nero su bianco anche nel contratto di programma giallo-verde.

Via il bonus da 80 euro in cambio della flat tax?

Gli 80 euro costano complessivamente 9 miliardi di euro l’anno e finiscono nelle tasche di 11 milioni di contribuenti. Il governo Conte, stando a quanto riporta il Corriere, valuta di azzerare il bonus per finanziare il primo modulo di tassa piatta con riduzione delle aliquote Irpef. Ma ci sarebbe anche un’estensione della tassa forfettaria del 15% per le imprese. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria considererebbe il bonus degli 80 euro troppo complicato, perché non è uno sgravio, non riduce la pressione fiscale e crea problemi con i conguagli, con troppe persone costrette a restituirlo del tutto o solo in parte per aver superato il tetto di reddito. Il taglio delle tasse che dovrebbe cominciare dal 2019, nei piani del governo, per l’inizio di un percorso più lungo. La riduzione della pressione fiscale potrebbe essere triennale.

La smentita di Palazzo Chigi

Fonti di Palazzo Chigi citate dall’Ansa però smentiscono il piano. «Si smentiscono i titoli di alcuni giornali che parlano di ‘abolizione degli 80 euro per finanziare la flat tax’ o ‘via gli 80 euro per gli sgravi fiscali’», è il messaggio.

(Ultimo aggiornamento alle 9.45 del 9 agosto. Foto di copertina da archivio Ansa: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Tria durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri sul decreto legge Milleproroghe, il 24 luglio. Credit immagine: ANSA / CLAUDIO PERI)