|

Sanzionati Vodafone, Wind Tre e Telecom Italia per «condotta aggressiva»

Antitrust ha reso noto oggi in una nota che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha chiuso tre procedimenti istruttori per pratiche commerciali scorrette, sanzionando Wind Tre, Telecom Italia e Vodafone Italia per condotte scorrette e aggressive verso i clienti. L’istruttoria, svolta con accertamenti ispettivi con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza, ha previsto una sanzione dall’ammontare complessivo di 3,2 milioni di euro.

Wind tre, Vodafone e Telecom Italia, sanzionate per condotta aggressiva

Le tre società sono state sanzionate per aver posto in essere condotte aggressive, in violazione degli articoli 24 e 25 del Codice del Consumo. Inviavano ai clienti, presunti morosi, lettere di sollecito di pagamento al fine di indurli a pagare gli addebiti richiesti minacciando di iscrivere i loro nominativi all’interno della banca dati S.I.Mo.I.Tel. che risultava non ancora operativa e dalla finalita’ indeterminata.

L’Autorità ha accertato che all’interno della banca dati avrebbero dovuti essere inseriti soltanto i nominativi dei clienti ‘morosi intenzionali’ (stabiliti secondo precise caratteristiche e requisiti).

Wind tre, Vodafone e Telecom Italia, la minaccia ai clienti in regola

I tre operatori invece, sfruttando la minaccia di fare ricorso allo strumento di autotutela del mercato nei confronti dei morosi intenzionali, induceva i destinatari ‘non morosi’ a preferire il pagamento della somma richiesta, a prescindere dalla fondatezza della propria posizione debitoria. La conseguenza paventata era infatti di non poter più chiudere contratti con alcun operatore telefonico.

Nel corso dell’istruttoria sono stati svolti accertamenti ispettivi con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.