La Fake news del Tutor che controlla il bollo auto. Tranquilli, lo Stato già lo sa se lo avete pagato

di Enzo Boldi | 06/08/2018

Fake news Tutor bollo

Non avete pagate il bollo e dovete prendere l’autostrada? Tremate, l’occhio non benevolo del nuovo Tutor vi condannerà. Ecco, tutto questo non è vero. Le notizie pubblicate in questi giorni sul fatto che il nuovo sistema di monitoraggio della velocità sulle grandi strade italiane potesse verificare – ed eventualmente multare – il pagamento del bollo auto, sono delle bufale.

LEGGI ANCHE > La bufala della benda di Daisy Osakue

Le cosiddette fake news, di cui non possiamo proprio fare a meno. «Attenzione al super tutor», «Occhio al temibile tutor», si legge nei titoli dei principali quotidiani italiani. Nel mirino ci sarebbe la verifica da parte del nuovo sistema di monitoraggio, voluto da Polizia Stradale e Autostrade per l’Italia, che – secondo loro – non calcolerebbe solamente la velocità media tenuta in un determinato tratto autostradale, ma accerterebbe anche il pagamento di bollo auto, assicurazione Rc e revisione.

Fake news Tutor Bollo, se non avete pagato non sarà un occhio elettronico a multarvi

Le normative in atto smentiscono questa polifunzione del nuovo dispositivo Tutor. Per quel che riguarda il bollo auto, si tratta di un onere tributario. Una tassa, in pratica. Quindi, lo Stato già è a conoscenza – attraverso i loro registri e database – di chi ha pagato e chi, invece, non lo ha ancora fatto. Inoltre, si stratta di un’imposta che viene riscossa da ogni singola regione, cosa che rende ancor più inverosimile il collegamento tra il sistema Tutor e le multe per questa che, a tutti gli effetti, è un’evasione tributaria. E se questo non bastasse, non c’è alcuna legge che impedisce a un auto di girare seppur sprovvista del pagamento del bollo e non esiste alcun fermo amministrativo – o sequestro – per i «veicoli evasori».

Fake news Tutor Bollo, Rc auto e revisione non sono «sensibili» all’occhio elettronico

Stesso discorso per quel che riguarda il controllo di Revisione e pagamento della Responsabilità Civile auto. Dalla Polstrada fanno sapere che il nuovo sistema Tutor, così come quello vecchio, riguarderà solamente la sanzione per violazioni che riguardano il mancato rispetto dei limiti di velocità. Tutto il resto, non rientra nel compito di autovelox e occhi elettronici sparsi sulle nostre autostrade.

Fake news Tutor Bollo: guidate tranquilli, se non pagate sarà lo Stato a multarvi

In conclusione: un allarmismo ingiustificato dato che chi non paga l’assicurazione, la revisione e il bollo auto è a rischio sanzione ma non per «colpa» del nuovo e cattivissimo Tutor SICVe-PM. Se avete ancora paura che gli occhi elettronici siano in grado di controllare i vostri pagamenti, non prendetevi pena. Lo Stato già sa tutto e non ha bisogno di macchine per multarvi.