Joel Robuchon
|

Addio a Joel Robuchon, la Francia perde lo chef del secolo

Dopo quello, doloroso, a Paul Bocuse, il mondo della cucina francese deve dire addio anche a un’altra stella della sua ristorazione. Joel Robuchon è morto all’età di 73 anni: il grande chef era da tempo malato. Definito da molti il cuoco del secolo, era a capo di un vero e proprio impero gastronomico, che lo ha portato ad aprire locali in tutto il mondo, da Parigi, a Londra, Las Vegas, Montecarlo, per arrivare a conquistare il mercato orientale di Tokyo, Taipei, Bangkok, Shangai, Singapore, Hong Kong.

LEGGI ANCHE > Roma, la tragica morte dello chef di Acquolina

Joel Robuchon morto, era lo chef del secolo

Si trattava di una vera e propria leggenda della gastronomia mondiale. In totale, tra tutti i locali che dipendevano da lui, Joel Robuchon aveva accumulato la bellezza di 32 stelle Michelin, che facevano di lui il cuoco più premiato al mondo con questo riconoscimento.

La sua carriera è iniziata nel lontano 1960, come apprendista pasticciere al Relais del Poitiers hotel. Gli bastarono meno di 30 anni per imporsi al mondo e per essere riconosciuto, nel 1989, come chef del secolo dalla rivista Gault Millau, una delle più importanti nel settore. A un certo punto della sua carriera, in un mondo che correva sempre a velocità doppia, decise di prendersi una pausa dal lavoro in cucina, per occuparsi a 360 gradi di televisione.

Joel Robuchon morto, volto della televisione enogastronomica francese

Su France 3, infatti, ogni giorno per 10 anni è stato il mattatore assoluto della trasmissione Bon Appétit Bien Sûr. Qui, lo chef libera la sua vena classica, si reinventa docente e offre lezioni di cucina, anticipando di anni la tv a vocazione enogastronomica che occuperà i palinsesti dal 2010 in poi.

Vero e proprio fondatore della Cuisine Actuelle rispetta i canoni dell’impiattamento minimale, riduce a poche dosi le creme e le salse composite e cerca di eliminare completamente i grassi e le fermentazioni. Un concetto di cucina completamente diverso rispetto a quello dei suoi contemporanei. Oggi l’addio a un mondo che ha saputo conquistare con i suoi piatti equilibrati e innovativi.

[Photo by Julien Reynaud/APS-Medias/ABACAPRESS.COM]