«Il vostro parente è in fin di vita», medico picchiato a Crotone

di Redazione | 03/08/2018

Crotone

Crotone, ospedale San Giovanni di Dio. Nella tarda serata di ieri, intorno alle 23, un medico anestesista viene incaricato di comunicare ai parenti di un paziente il suo stato terminale. Dopo aver dato loro la triste notizia – non è stato chiarito in che modo quest’ultima sia stata comunicata -, viene coinvolto in una vera e propria rissa.

LEGGI ANCHE > Università della Calabria, copia la tesi per il 96% e blocca la seduta: parenti inferociti, arrivano i carabinieri

Crotone, medico picchiato in corsia: aveva detto ai parenti che non ci sarebbe stato più niente da fare per un paziente

Il medico si trovava in servizio presso il reparto di rianimazione dell’ospedale calabrese. Il paziente in fin di vita era un giovane di Rosarno, affetto da Sla e colpito da un arresto cardiaco e proveniente da una clinica privata. L’anestesista, in base alle prime ricostruzioni, aveva invitato i parenti a convocare un sacerdote che impartisse l’estrema unzione al malato.

I congiunti del paziente hanno reagito in malomodo, picchiando il medico che aveva dato loro la notizia. Non solo: nella rissa sarebbero stati coinvolti anche gli infermieri accorsi in reparto dopo le prime fasi concitate della colluttazione.

Crotone, l’intervento della polizia per sedare la rissa

Per questo motivo, gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Volante della Questura di Crotone, coordinati dal dottor Corrado Caruso, sono stati costretti a intervenire. Questi ultimi hanno denunciato, in stato di libertà, due donne con l’accusa di lesioni in concorso, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio.

L’anestesista picchiato è stato prontamente curato dai suoi colleghi. In base alle ultime indiscrezioni che arrivano dall’ospedale calabrese, sarebbe ancora sotto osservazione per valutare i danni subiti nella colluttazione.

TAG: Crotone