Salvini fa il furbo: cita gli arresti di 95 immigrati, e ‘dimentica’ gli italiani

di Redazione | 31/07/2018

salvini

Matteo Salvini confonde le acque sui dati degli arresti di immigrati e italiani e imbarazza il Viminale. Il ministro dell’Interno e vicepremier infatti, dopo la denuncia dell’atleta azzurra di origine nigeriana Daisy Osakue, in queste ore, ha citato dati sugli stranieri fermati dimenticando quelli relativi ai nostri concittadini. Ne parla il Corriere della Sera in un articolo a firma di Fiorenza Sarzanini. Dopo aver affermato che «ogni aggressione va punita e condannata» il leader della Lega è tornato a definire «una sciocchezza l’emergenza razzismo in Italia».

 

LEGGI ANCHE > L’atleta italiana di origini nigeriane Daisy Osakue è stata aggredita a Torino

 

Salvini cita gli arresti di 95 immigrati e dimentica quelli di 113 italiani

Per sostenere la sua tesi Salvini ha dichiarato che «solo negli ultimi tre giorni, nel silenzio generale, la Polizia ha arrestato 95 immigrati, mentre altri 414 sono stati denunciati». Il Corriere della Sera sottolinea che in realtà in quei tre giorni sono state arrestate 208 persone, dunque anche 113 italiani. Il ministro non ne parla, evidentemente per mettere in evidenza i crimini commessi dagli stranieri e quindi la loro «pericolosità». Le dichiarazioni sono una prova dello sdoppiamento del ruolo di ministro dell’Interno e di leader di partito, che starebbe imbarazzando lo stesso Ministero. Tra i responsabili degli apparati di sicurezza aumenta la preoccupazione che i continui richiami di Salvini ai rischi di una «presenza di massa di clandestini nel nostro Paese» possano scatenare gesti di emulazione rispetto agli episodi di intolleranza di questi giorni, con il rischio di aumentarli. Di sicuro il Salvini capo della Lega sembra avere maggior spazio sul Salvini membro del governo.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI)