Il deputato velista: «Il Movimento 5 Stelle mi ha abbandonato in mezzo al mare»

di Redazione | 25/07/2018

Andrea Mura

Dopo una settimana di attacchi, il deputato del Movimento 5 Stelle Andrea Mura ha voluto alzare la voce sulle accuse di assenteismo che gli sono state rivolte. «Non è vero che ho il 97% di assenze in Parlamento: la mia presenza fino al 19 luglio è pari al 59%, basta vedere i dati ufficiali della Camera dei Deputati». Il deputato sardo ha rilasciato delle dichiarazioni all’Ansa in cui attacca il Movimento 5 Stelle.

LEGGI ANCHE > Di Maio contro il deputato assenteista: «Doveva già dimettersi»

Andrea Mura: «Il Movimento 5 Stelle mi ha abbandonato in mezzo al mare»

«Sulla vicenda ci sono state varie fake news – ha detto Mura all’Ansa -. A fronte di questa tempesta mediatica violentissima il Movimento mi ha ingiustamente abbandonato in mezzo al mare. Sono un navigatore solitario degli oceani, abituato ad affrontare con pazienza le burrasche più dure. Ho chiesto un confronto con i vertici del Movimento per chiarire presto l’intera vicenda». Nei giorni scorsi, infatti, il leader politico Luigi Di Maio aveva invitato Mura a dimettersi, perché l’assenteismo non si sposa con i principi generali del Movimento 5 Stelle.

Andrea Mura e la lite con il Movimento 5 Stelle

«Mi hanno attribuito delle frasi non mie – ha continuato Mura -. Ma io ho grande rispetto per il Parlamento. Inoltre, il Movimento 5 Stelle sapeva fin dall’inizio che avrei continuato con la mia attività di skipper perché credo sia un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della tutela del mare. Ho dato il mio contributo a una campagna elettorale durissima, nella quale – anche grazie a me – il Movimento ha conquistato 60mila voti».

La base, però, si era completamente rivoltata contro Andrea Mura, il deputato velista. Le definizioni di «privilegiato», di persona che si era adeguata alla «casta» sono state all’ordine del giorno nei gruppi di sostenitori pentastellati. La vicenda del parlamentare sardo continuerà a far discutere.