truffatori
|

Il gruppo di truffatori che si fingeva vicino al Vaticano

I carabinieri hanno smantellato un gruppo di truffatori che si fingeva vicino al Vaticano e a fondi Lussemburghesi e che operava in tutta Europa. Sono state scoperte 23 truffe consumate e oltre 45 tentate che, secondo gli investigatori, avrebbero fruttato milioni di euro. I carabinieri della stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno eseguito in varie città italiane un decreto che dispone perquisizioni nei confronti di 26 indagati per i reati di associazione delinquere finalizzata alla commissione di truffe, nazionali e internazionali, furto, falsi in atto pubblico e privato, riciclaggio internazionale.

 

LEGGI ANCHE > Bergamo, prof di italiano fa sesso con un alunno delle medie: arrestata

 

Smantellato dai carabinieri di Roma un gruppo di truffatori che si fingeva vicino al Vaticano

Il decreto è stato emesso dalla Procura di Roma, sotto l’egida della Direzione distrettuale antimafia (Dda). Le indagini, a carico di 53 persone, sono durate più di un anno e hanno individuato due gruppi con base a Roma e composti da cittadini italiani, del Camerun, della Nigeria e Afghanistan, specializzati in truffe e compravendita di opere d’arte. Durante le perquisizioni è stato sequestrato un assegno da 5 milioni di euro emesso da una banca francese.

I truffatori si qualificavano come appartenenti al Vaticano e offrivano alle vittime di acquistare, per milioni di euro, opere d’arte a patto di effettuare una donazione in contanti a una onlus risultata poi fittizia. In altri casi i truffatori, qualificandosi come funzionari di banche italiane, si offrivano di far rientrare capitali dall’estero senza pagare le tasse. E ancora il gruppo si è presentato come vicino a fondi lussemburghesi o del Vaticano offrendo finanziamenti a società in fallimento. Infine, accreditandosi come intermediari del Vaticano, proponevano alle vittime l’acquisto di alberghi da destinare ad usi ecclesiastici. Durante le perquisizioni è avvenuto il sequestro di documentazione e certificazioni contraffatte, come false deleghe per la vendita di lingotti d’oro del Vaticano, carta intestata allo Ior, timbri di diversi istituti di credito, ma anche un abito talare per il travestimento da prete, coltelli a serramanico, scimitarre e spade. In un’abitazione a Roma, è stato anche sequestrato un quadro attribuito falsamente a Bernardo Cavallino, un noto pittore del Seicento Napoletano.

(Foto di copertina da archivio Ansa: un’auto di servizio dei carabinieri)

TAG: Vaticano