Ann Coulter
|

«I bambini che piangono al confine con il Messico? Recitano». Ma è una bufala

Negli Stati Uniti è polemica per l’audio che circola sui bimbi separati dai propri genitori che cercano di valicare clandestinamente il confine tra Messico e gli USA. Secondo l’autrice Ann Coulter i bambini immigrati recitano.

Coulter cita un pezzo del New Yorker di Mehta de 2011. Peccato che il giornalista stesso abbia smentito la donna sui social. «O ha mentito o è veramente analfabeta», ha dichiarato Suketu Mehta a BuzzFeed News.

LEGGI ANCHE > USA, BAMBINI MIGRANTI SEPARATI DAI GENITORI PIANGONO E LA POLIZIA LI DERIDE | VIDEO

Su Fox News questa domenica Coulter ha denigrato i richiedenti asilo coinvolti nella politica anti immigrazione di Trump parlando di «attori bambini che piangono e piangono su tutte le reti tv h24». Sosteneva come un articolo della rivista New Yorker abbia parlato di minori istruiti con «copioni da leggere».

Dopo che alcuni giornalisti su Twitter l’hanno sfidata a riprodurre l’articolo del New Yorker che riportava tali affermazioni Coulter ha twittato un link al pezzo di Mehta del 2011, che raccontava di una donna africana in cerca d’asilo negli Stati Uniti.

«Sono davvero scioccato su come si stia strumentalizzando il mio pezzo sul New Yorker, che non ha a che fare con baby attori, né liberali che scrivono copioni», spiega a Buzzfeed news Mehta, professore alla New York University e autore di un libro sull’immigrazione. «Non so se lei sa leggere, ma chiaramente non ha letto il mio articolo sul New Yorker», aggiunge.

Nel pezzo sul New Yorker il professore racconta la storia di Celine, proveniente da un paese dell’Africa centrale e richiedente asilo. Il sostegno dei suoi genitori a un leader dell’opposizione ha portato i soldati del governo a saccheggiare la casa di famiglia e a picchiare i suoi fratelli. Celine era di fatto perseguitata. temeva di ritornare a casa così le fu chiesto di esagerare con le violenze subite, parlando di uno stupro che avrebbe potuto aiutarla maggiormente nell’ottenimento del diritto d’asilo.

Mehta descrive questo caso non per dare contro all’immigrazione ma per evidenziare i problemi inerenti a un sistema di asilo che non funziona. «È un pezzo molto sfumato, complicato», ha spiegato.

Il professore definisce spregevole la politica di separazione dei minori dai loro genitori. E non è per niente d’accordo con Coulter. L’autrice, nonostante ciò, continua a diffondere la bugia dei bambini che recitano. Senza ancora nessuna prova. A cuoricinarla, ovviamente, il figlio del presidente, Donald Trump Jr..