Giuseppe Conte
|

Matteo Renzi prende in giro il M5S per Giuseppe Conte: «È un amico di Maria Elena Boschi»

Giuseppe Conte è un amico di Maria Elena Boschi. La rivelazione sul probabile nuovo presidente del Consiglio è citata in due retroscena di Fabio Martini sulla Stampa e Massimo Malpica sul Giornale ed è attribuita a Matteo Renzi attraverso un virgolettato.

GIUSEPPE CONTE È UN AMICO DI MARIA ELENA BOSCHI PER RENZI

Scrive il quotidiano diretto da Maurizio Molinari:«A Firenze raccontano che il professor Conte avrebbe coltivato un certo afflato per il primo Renzi  e in ricordo di quella stagione l’ex presidente del Consiglio ha fatto circolare una battuta: “Il M5S vuole fare premier Conte, l’amico di Maria Elena Boschi?”». Nel pezzo Fabio Martini ricorda come in una dichiarazione televisiva l’avvocato e professore di diritto privato aveva ammesso di aver avuto in passato simpatie politiche per la sinistra, anche se negli ultimi tempi si è avvicinato ai Cinque Stelle.

LEGGI ANCHE > LA GAFFE DI SILVIO BERLUSCONI CON LA FIGLIA DI MASSIMO LATTANZI AD AOSTA

Il legame con Di Maio si è rafforzato dopo la sua elezione al Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, dove Giuseppe Conte si è distinto per la sua opposizione alla nomina al Consiglio di Stato di una dell dirigenti pubbliche più legate a Renzi, Antonella Manzione, così come per la sua guida della commissione speciale per la destituzione di Francesco Bellomo.

 

Giuseppe Conte
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

RENZI IRONIZZA SUL PREMIER M5S GIUSEPPE CONTE AMICO DELL’ODIATA MARIA ELENA BOSCHI

Battaglie apprezzate dal M5S e da Di Maio in particolare, che ha conosciuto Giuseppe Conte tramite Alfonso Bonafede, suo fedelissimo che ha conosciuto il possibile presidente del Consiglio durante il suo lavoro da avvocato a Firenze, come scrive Martini sulla Stampa. Massimo Malpica sul Giornale definisce Conte uno stretto amico di Maria Elena Boschi, anch’ella legale civilista che lavorato principalmente nel capoluogo toscano. Il legame personale tra Conte e Boschi appare un po’ peculiare alla luce della battaglia durissima che il M5S ha svolto contro l’ex ministro alle Riforme costituzionali e sottosegretario alla presidenza del Consiglio, oggetto di feroci accuse in particolare sul caso relativo a Banca Etruria.