Manuel Foletti, uno degli skinhead di Como condannato per tentato omicidio

di Redazione | 04/12/2017

Manuel Foletti

Manuel Foletti è uno dei tredici skinhead identificati e denunciati per il blitz compiuto a Como. Un gruppo di militanti della formazione Veneto Fronte Skinheads, un’associazione di estrema destra, è intervenuta durante l’assemblea di Como senza Frontiere, interrompendola e leggendo un comunicato prima di andarsene. L’episodio ha suscitato una diffusa indignazione, anche se alcuni leader politici, come Matteo Salvini, hanno minimizzato. L’identificazione degli skinhead ha permesso di ricostruire il profilo dei militanti dell’organizzazione. Uno di loro, Manuel Foletti, è stato condannato per tentato omicidio.

MANUEL FOLETTI, CONDANNATO PER TENTATO OMICIDIO UN MILITANTE DI VENETO FRONTE SKINHEADS

Nel 2010 Foletti, già all’epoco vicino agli ambienti di estrema destra, era stato giudicato colpevole per aver accoltellato al volto davanti alla cooperativa popolare Infrangibile l’anno precedente. Il tentato omicidio di cui si era reso colpevole Manuel Foletti aveva provocato un’accesa reazione, vista l’evidente matrice politica dell’atto criminale. I due ragazzi erano simpatizzanti di sinistra, e avevano discusso animatamente, fino a litigare, col neonazista prima che fossero accoltellati al volto. Secondo la ricostruzione dell’epoca Foletti avrebbe intonato una personale rilettura di «Bandiera rossa», canzone storica della sinistra e dei partiti dei lavoratori, accendendo gli animi di più di un frequentatore della cooperativa Infrangibile. I due giovani feriti erano stati colpiti con un coltello a serramanico detenuto illegalmente: uo con un fendente al collo, un altro era stato sfregiato per sempre al volto, dalla fronte fino al mento. La Corte di Cassazione aveva scritto come «la discussione era anche di natura politica, presentandosi l’imputato ed il suo amico che era con lui quali appartenenti all’area dell’estrema destra, mentre gli antagonisti appartenevano a una Cooperativa».

LEGGI ANCHE > LA BANDIERA DEL SECONDO REICH EVIDENZIA LA STUPIDITÀ DEI NEONAZISTI

Per questo motivo Manuel Foletti era stato condannato a sei anni e due mesi di reclusione in primo grado. Foletti è uno dei tre componenti di Veneto Fronte Skinheads provenienti dal piacentino. La sedicente associazione culturale si è lamentata per la diffusione dei nomi dei componenti del gruppo intervenuto all’assemblea di Como senza Frontiere.

Foto copertina: ANSA/YOUTUBE/ECOINFORMAZIONI ARCI