Di Maio Di Battista
|

Di Maio e Di Battista da incapienti a 100 mila euro l’anno

Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio hanno ottenuto un rilevante beneficio economico dall’attività parlamentare. I due esponenti del M5S sono infatti passati da redditi così bassi da non esser tassati, oppure inesistenti, a guadagnare circa 100 mila euro l’anno. Un progresso simile a quello vissuto da tanti parlamentari pentastellati: a inizio legislatura ben 51 di loro erano senza reddito. Lo evidenziano le dichiarazioni dei redditi pubblicate sul sito della Camera dei Deputati. Nel 2013 Alessandro Di Battista aveva dichiarato poco più di 3 mila euro di reddito per il periodo d’imposta 2012. Una somma ben più bassa rispetto all’esenzione Irpef.

alessandro-di-battista-dichiarazione-redditi
Dichiarazione dei redditi del 2012 di Alessandro Di Battista

Anche Luigi Di Maio non era stato tassato nell’anno precedente al suo ingresso in Parlamento, visto che non aveva presentato alcuna dichiarazione dei redditi. Il reddito zero è un dato che accomunava diversi grillini: anche Roberto Fico, come mostra la sua dichiarazione dei redditi del 2012, non aveva guadagnato nulla. Il presidente della commissione di vigilanza della Rai era però proprietario di un fabbricato in Campania, a differenza del nullatenente Di Maio.

roberto-fico-dichiarazione-redditi
Dichiarazione dei redditi 2012 di Roberto Fico

LEGGI ANCHE > Virginia Raggi segue gli ordini di Grillo per uscire dalla crisi di popolarità

In Parlamento la situazione reddituale degli esponenti del M5S è cambiata notevolmente. Nel 2016 Luigi Di Maio ha dichiarato un reddito imponibile di poco inferiore ai 100 mila euro, grazie alle generose indennità di cui beneficiano i deputati, come i senatori. luigi-di-maio-dichiarazione-redditi I poco meno di 100 mila euro guadagnati da Di Maio sono molto simili a quanto dichiarato da Alessandro Di Battista, o altri deputati del Movimento 5 Stelle. Beppe Grillo nel 2016 ha invece guadagnato meno dei suoi parlamentari, probabilmente per la riduzione significativa dei suoi spettacoli teatrali. Il suo reddito si attesta a 71.957 euro, con un vero e proprio crollo rispetto all’anno precedente quando dichiarava 355.247 euro, dunque ben 283.290 euro in meno. Eppure il leader del M5S, nella dichiarazione dei redditi 2016 disponibile sul sito Parlamento.it, non dichiara variazioni avvenute rispetto all’anno precedente, come vendite o acquisti di immobili.Il reddito di Grillo, disponibile sul sito della Camera visto che alle scorse elezioni la lista del M5S era stata presentata indicandolo come capo politico, è di circa 30 mila euro inferiore rispetto a quello dei deputati pentastellati. In passato Beppe Grillo aveva guadagnato anche diversi milioni di euro in un anno, grazie al successo dei suoi spettacoli comici. I 5 stelle sono tenuti a restituire parte della loro indennità a un fondo apposito per finanziare progetti di microcredito alle Pmi.

Foto copertina: ANSA/FLAVIO LO SCALZO