Franceschini: «Un ultimatum al giorno toglie il governo di torno»

di Redazione | 18/10/2019

ultimatum governo

Secondo Dario Franceschini «un ultimatum al giorno toglie il governo di torno». Il ministro dei Beni Culturali segna il punto nell’attività dell’esecutivo da parte del Partito Democratico: Franceschini, infatti, è il delegato dei dem a entrare a Palazzo Chigi e deve confrontarsi con i rappresentanti di M5S, Italia Viva e Liberi e Uguali.

LEGGI ANCHE > L’allarme di Conte: «Se Renzi continua così il governo cade»

Ultimatum governo, il monito di Franceschini

Il riferimento è a Matteo Renzi che si sta preparando a dare il via alla Leopolda 10. Dopo aver favorito a tutti i costi la nascita di questo esecutivo in funzione anti-salvini, il senatore di Rignano sta remando contro sui provvedimenti economici. L’ultimo bersaglio è quota 100 che di certo non è la migliore misura previdenziale, ma che non può essere smantellata in corso d’opera, tanto più che è una misura a tempo e che terminerà allo scadere del terzo anno.

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri lo aveva annunciato in sede di nota di aggiornamento del Def e lo aveva anche ribadito successivamente. Dopo aver presentato la manovra, tuttavia, sono emersi i malumori tra i renziani di Italia Viva. Questa Leopolda 10 che sta per iniziare si trasformerà nel nuovo Papeete?