Twitter chiederà agli utenti se hanno letto l’articolo prima di condividerlo

di Enzo Boldi | 11/06/2020

Twitter hai letto l'articolo
  • La sperimentazione, sui dispositivi Android, è stata avviata negli Stati Uniti

  • Il social network chiederà se si è consci del contenuto di quel che si sta condividendo

  • Twitter hai letto l'articolo è un modo per creare dibattiti social informati

Non è un modo per bloccare la fake news, ma una strategia per sperare che gli utenti abbiano consapevolezza di quel che condividono sul social network. Negli Stati Uniti, Twitter ha avviato una sperimentazione tecnica (per il momento solo sui dispositivi Android) che prevede un messaggio prima di ogni condivisione di quel che si trova in giro sulla rete. Il testo inviterà l’utente a leggere l’articolo prima di procedere con il tweet, nel tentativo di ripulire la piattaforma da confronti tra poco informati e tra persone che si sono limitate a leggere solamente il titolo. La vicenda di Twitter hai letto l’articolo potrebbe, ben presto, varcare i confini USA.

LEGGI ANCHE > Lo strano caso di Hulk Hogan che risponde a Guido Crosetto su Twitter

L’annuncio arriva direttamente dal profilo ufficiale – in lingua inglese – di Twitter Support che ha spiegato le modalità e il fine ultime di questa sperimentazione che – qualora funzionasse – potrebbe essere diffusa a livello globale e non solo sui dispositivi che hanno Android come sistema operativo.

Twitter hai letto l’articolo?

«Condividere un articolo può accendere la conversazione, quindi magari potresti volerlo leggere prima di twittarlo -si legge nel post pubblicato da Twitter Support -. Per sostenere la discussione informata, stiamo testando un nuovo avviso un Android: quando ritwitti un pezzo che non hai aperto su Twitter, potremmo chiederti se prima vuoi leggerlo». Chi vorrà condividere un articolo, anche senza leggerlo, potrà comunque farlo. Il tentativo, però, è quello di convincere gli utenti a un retweet informato e a una discussione social – con altri utenti – conscia dei contenuti che si voglio condividere con il mare del web.

(foto di copertina: da Pixabay)

TAG: Twitter