La destra a Roma il 2 giugno, l’insulto a Mattarella: «La mafia ha ucciso il fratello sbagliato» | VIDEO

di Ilaria Roncone | 03/06/2020

Un militante di centro-destra ha affermato, in riferimento a Piersanti Mattarella, che «la mafia ha ucciso il fratello sbagliato». Le parole sono state registrate per caso da un’operatrice di Globalist che stava documentando l’evento. Nel video si vede la giornalista tornare indietro con la telecamera dopo quanto viene detto e catturato in audio. A dire questa frase, come sottolinea Globalist, è stato uno dei sedicenti patrioti e sovranisti incaricati di tenere il tricolore sfilando.

LEGGI ANCHE >>> Giorgia Meloni: «Il 2 giugno è anche la nostra festa». Il Salvini del 2013, però, non era proprio d’accordo

La destra che festeggia la Repubblica tra saluti romani e insulti al Presidente

La frase che si sente nel video è stata negata da chi l’ha detta ma, come noto negli ambienti di estrema destra, riporta l’opinione di molti che viene poi negata in maniera ipocrita: «Io lo dico sempre che la Mafia ha sbagliato fratello». Qualcuno chiede di ripetere la frase – probabilmente perché non l’ha compresa – e l’uomo ribadisce: «La mafia sbagliò fratello, invece da ammazza’ Piersanti…». La conclusione è logica e univoca, dato che Piersanti Mattarella era il fratello di Sergio Mattarella ucciso da Cosa nostra nel 1980, quando era presidente della regione Sicilia.

Frase condannata anche dall’opposizione

La vergognosa frase detta da questo manifestante è stata condannata da più parti, compresa quella di chi ha organizzato la manifestazione. Da Zingaretti arriva l’invito a «fermare la cultura dell’odio e dell’aggressione». Luigi Di Maio lo ha definito «un episodio gravissimo», sottolineando che «non è mia abitudine esprimere opinioni o giudizi sui cortei. Ritengo che ognuno abbia la libertà, sempre, di manifestare le proprie opinioni pacificamente. Ma bisogna abbassare i toni e la politica, per prima, deve poter dare il buon esempio». Anche Giorgia Meloni ha definito gli insulti al Presidente della repubblica «vergognosi», parlando di «parole offensive che Fratelli d’Italia condanna senza se e senza ma, che non condividiamo in nessun modo e dalle quali prendiamo fermamente le distanze». Anche Salvini sull’accaduto: «Chi ha offeso il presidente Mattarella e con lui tutte le vittime di mafia, si deve solo vergognare, non rappresenta l’Italia e gli italiani».

(Immagine copertina dal video girato da Globalist)