Roberto Speranza spiega perché si è deciso di rinviare l’uscita del suo libro

Un mese fa l'annuncio, poi il passo indietro

24/10/2020 di Enzo Boldi

Libro Speranza

«Perché guariremo», un titolo ottimista che si scontra di fronte alla situazione epidemiologica in Italia. E dalla giornata di venerdì attorno a questo testo si è generato un vero e proprio giallo. E non come genere letterario. Il libro scritto da Roberto Speranza era dato in pubblicazione e messa in vendita proprio per la giornata di ieri, 23 ottobre, poi la casa editrice – la Feltrinelli – ha deciso per un rinvio. E il caso libro Speranza è stato spiegato dallo stesso Ministro della Salute.

LEGGI ANCHE > Le cinque domande a Roberto Speranza sull’inserimento dell’olio CBD nell’elenco delle sostanze stupefacenti

«È chiaro che io in questo momento non posso impegnare il mio tempo per presentare un libro, sono impegnato ventiquattro ore al giorno per gestire questa emergenza», ha detto il Ministro Roberto Speranza ad ‘Accordi e disaccordi’, il talk show politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi sul Nove e andato in onda venerdì in seconda serata. Insomma, la posticipazione della pubblicazione e della messa in vendita del libro Speranza segue le dinamiche della situazione epidemiologica in Italia.

Libro Speranza, ecco perché è stata rinviata la pubblicazione

Secondo quanto spiegato dal Ministro della Salute, dunque, la situazione sanitaria in Italia gli avrebbe impedito di poter presentare il suo libro, annunciato lo scorso 20 settembre attraverso un post pubblicato sulla sua pagina Instagram.

 

«È evidente che questa crescita così significativa oggi ci mette di fronte a un fatto nuovo – ha spiegato Speranza -. Mi fa piacere raccontare questa cosa del libro perché sono considerazioni su cui io vorrei aprire il dibattito nel Paese, di riforma, di revisione del nostro servizio sanitario nazionale, la cosa più preziosa che abbiamo. Quando uscirà, i suoi proventi saranno destinati alla rete degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico».

(foto di copertina: da profilo Instagram di Roberto Speranza)

Share this article