La Verità si scusa per aver pubblicato il video dell’autoscontro con i banchi a rotelle

Nel pomeriggio aveva detto di voler fare degli approfondimenti sulla situazione

di Redazione | 15/09/2020

La Verità

Prima la pubblicazione del video che, immediatamente, è diventato virale. Poi i primi sospetti sul contesto all’interno del quale è stato girato. Poi ancora l’approfondimento sulla fonte e infine le scuse. La Verità ha infatti fatto marcia indietro rispetto alla pubblicazione del video che mostrava alcuni ragazzi intenti a giocare con i banchi a rotelle. Un tweet nel pomeriggio del 15 settembre ammette l’errore e chiede scusa ai lettori.

LEGGI ANCHE > L’indignazione per il video dell’autoscontro con i banchi a rotelle. Ma le immagini sono del 2017

La Verità si scusa per aver diffuso il video dei ragazzi che si scontrano con i banchi a rotelle

Come aveva scritto anche Giornalettismo questa mattina, il video in questione risaliva al 2017 e non aveva nulla a che fare con i nuovi banchi previsti dal ministero dell’Istruzione, il cui bando è stato gestito dal commissario straordinario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri. Era stato, in realtà, lo stesso autore del video su Tik Tok a esplicitare, in un commento, che il video risaliva al 2017 e che non riguardava, invece, il primo giorno di scuola dopo l’emergenza, che si è svolto – non senza qualche problema – nella giornata di ieri, 14 settembre.

I commenti sotto l’ammissione de La Verità

Nonostante l’ammissione del quotidiano La Verità – una delle fonti che maggiormente ha permesso la circolazione del video – alcuni followers della testata continuano a dare una chiave interpretativa del fatto che supera qualsiasi principio di attualità: «Se in passato sono stati usati così – si legge in un commento -, figuriamoci come verranno usati ora che saranno più diffusi». Altri commenti invitano il ministro Lucia Azzolina e il commissario straordinario a riflettere sull’uso che verrà fatto di questi banchi. Come se, automaticamente, si desse per scontato che i ragazzi che li avranno a disposizione si metteranno a fare autoscontro con i banchi a rotelle.