Honda lascia la Formula 1 alla fine del Mondiale 2021

L'annuncio di Red Bull e Alpha Tauri che montano i motori della casa giapponese

02/10/2020 di Enzo Boldi

Honda lascia la Formula 1

I successi non contano. Nonostante le due vittorie in questa stagione, la Honda lascia la Formula 1. Lo hanno comunicato i vertici del settore sportivo della casa automobilistica giapponese che fornisce le proprie motorizzazioni a Red Bull e Alpha Tauri. E proprio con queste due scuderie sono arrivati i successi di Max Verstappen a Silverstone (nel Gran premio del 70° anniversario, il secondo sulla pista britannica) e il clamoroso primo posto di Daniil Kvyat a MonzaLa fine dei rapporti arriverà al termine della stagione 2021.

LEGGI ANCHE > A molti tifosi è saltato il segnale Dazn al rigore decisivo di Rio Ave-Milan

Dopo alcuni anni di assenza, Honda era tornata nel mondo della Formula cinque anni fa. Ma cosa ha spinto la casa giapponese a dire addio al Circus? La risposta si trova tra le righe del comunicato pubblicato questa mattina in cui si annuncia che Honda lascia la Formula 1 alla fine della stagione 2021.

Honda lascia la Formula 1, ecco i motivi

«Honda ha bisogno di incanalare le proprie risorse aziendali in ricerca e sviluppo nelle aree delle future tecnologie, comprese quelle per veicoli a celle a combustibile (FCV) e per batterie EV (BEV), che saranno il fulcro del progetto carbon free – si legge nel comunicato -. Come parte di questa mossa, nell’aprile di quest’anno, Honda ha creato un nuovo centro chiamato Innovative Research Excellence, Power Unit & Energy. Honda allocherà la sua gestione energetica e le tecnologie del carburante, nonché la conoscenza accumulata attraverso le attività di F1 direttamente in quest’area e prenderà iniziative concentrandosi sulla futura realizzazione della neutralità del carbonio. A tal fine, la Honda ha deciso di concludere la sua partecipazione in F1». Insomma, i costi per gestire la Formula 1 sono stati considerati uno spreco in vista di progetti futuri che virano verso il green.

(foto di copertina: da Pixabay)

Share this article