Il GP di Formula 1 in Cina verso la cancellazione per il rischio Corvid-19

di Redazione | 12/02/2020

GP Cina
  • Effetto coronavirus anche sulla Formula 1

  • Il GP Cina si sarebbe dovuto correre nel mese di aprile

  • Il coronavirus ha costretto gli organizzatori a un rinvio che somiglia di più a una cancellazione

Il Gran Premio di Formula 1 in Cina si sarebbe dovuto correre a Shangai nel mese di aprile 2020. Probabilmente, però, la Fia – Federazione internazionale di automobilismo – cancellerà la data. Il rischio della diffusione del Corvid-19, la malattia connessa al nuovo coronavirus, ha portato le autorità cinesi a chiedere un confronto alla Fia e ad arrivare a una conseguente sospensione dello stesso evento sportivo, uno dei più remunerativi a livello di indotto dell’intero panorama internazionale.

LEGGI ANCHE > Coronavirus monitor: quanti sono i morti e quali le misure di sicurezza messe in atto

GP Cina di Formula 1 verso la cancellazione

Il Gp di Shangai, infatti, è stato al momento sospeso. Ma, dal momento che le autorità locali non hanno comunicato una proposta di data alternativa, può essere molto probabile che la stagione della Formula 1 che inizierà a breve possa essere caratterizzata da un’importante defezione in calendario. Una tappa in meno, insomma.

Non solo GP Cina, le altre manifestazioni sospese a causa del Corvid-19

«Ci auguriamo di poter correre in Cina quanto prima possibile – è la nota con cui la federazione internazionale ha accompagnato la sua decisione -, esprimendo i nostri auguri per il meglio alla popolazione locale in questo momento difficile». Shangai dista più di 800 chilometri da Wuhan, il focolaio del virus. Tuttavia, la diffusione del Corvid-19 in tutto lo stato cinese ha imposto una riflessione a tutti gli organizzatori di eventi sportivi. Il campionato di Serie A cinese (la cosiddetta Super League) non ha al momento una data di inizio, mentre le tappe della coppa del mondo di sci in Cina sono già state sostituite da tappe europee.

TAG: Formula 1