Mentre il suo capo dello staff gli parlava di politica estera, Trump gli chiedeva cosa mangiassero i tassi

di Gianmichele Laino | 13/02/2020

Donald Trump
  • Donald Trump chiedeva spesso al capo dello staff Reince Preibus dei tassi

  • Erano animali originari del suo stato di provenienza, il Wisconsin

  • Le domande venivano rivolte all'ex capo dello staff nel corso di riunioni molto importanti

I libri sui retroscena dello studio ovale della Casa bianca sono sempre stati un must. A breve sarà disponibile anche quello di Reince Priebus, ex consigliere politico di Donald Trump e capo dello staff del presidente Usa. L’uomo è originario del Wisconsin uno stato dove i tassi sono gli animali più popolari. Questa cosa deve aver incuriosito molto Donald Trump, che lo ha più volte interrogato proprio su questo tipo di animale, anche in momenti non appropriati, come le delicate riunioni in cui si discuteva di politica estera.

LEGGI ANCHE > Donald Trump e il discorso agli Stati Uniti dopo l’attacco iraniano

Donald Trump e la sua stranissima passione a proposito dei tassi

Secondo il libro fatto uscire con la testimonianza di Priebus, infatti, le domande che Trump rivolgeva al suo capo dello staff riguardavano i comportamenti dei tassi, se questi ultimi avessero degli atteggiamenti simili a quelli delle persone, «come funzionassero», cosa mangiassero, se avessero una qualche personalità o se fossero noiosi, se lo stesso consigliere fosse in grado di mostrargli una fotografia originale dell’animale.

Il libro che contiene questo racconto surreale (ve lo immaginate Trump a chiedere dei tassi, mentre sulla sua scrivania ci sono dossier pesantissimi come quello sull’Iran o sulla Corea del Nord?) si intitola Sinking in the Swamp: How Trump’s Minions and Misfits poisoned Washington. Le firme del libro sono quelle dei reporter del Daily Beast Lachlan Markay e Asawin Suebsaeng. All’interno del libro compare l’importante testimonianza di Priebus che è stato capo dello staff del presidente Usa da quando ha iniziato il suo mandato nel 2016, fino al luglio del 2017. Il tempo, insomma, di documentarsi sulla vita dei tassi. Quando ha iniziato ad annoiarsi a questo proposito, ha pensato bene di cambiare direttamente il capo dello staff.