Luigi Di Maio gela Nicola Zingaretti: «I patti regionali non sono all’ordine del giorno»

di Gaia Mellone | 13/10/2019

Luigi Di Maio gela Nicola Zingaretti: «I patti regionali non sono all'ordine del giorno»
  • L'esperimento della lista civica in Umbria per ora resterà un caso a sé stante

  • Dal palco di Napoli Luigi DI Maio frena Nicola Zingaretti

  • Beppe Grillo però bacchetta: «Siamo cambiati, basta piagnistei sul Pd»

Il patto civico per le elezioni in Umbria tra Movimento 5 Stelle e partito Democratico resterà, almeno per un po’, un esperimento a se stante. Luigi Di Maio infatti dal palco dell’Arena Flegrea di Napoli per la prima giornata delle celebrazioni del decimo compleanno del Movimento 5 Stelle, tira il freno alle aspirazioni in arrivo dal Partito Democratico.

Luigi Di Maio gela Nicola Zingaretti: «I patti regionali non sono all’ordine del giorno»

LEGGI ANCHE> Luigi Di Maio dice che solo lui e Salvini sanno «come è andata veramente»

«I patti regionali e nazionali con il Pd non sono all’ordine del giorno». Non lascia scampo la dichiarazione fatta da Luigi Di Maio a Napoli in merito alla possibile alleanza con il partito democratico, partner di governo, alle prossime elezioni regionali. Il caso Umbria, dove le due forze di maggioranza si sono unite nel sostenere una lista civica che porti avanti la candidatura di Vincenzo Bianconi, per ora rimarrà un esperimento ad hoc.

Beppe Grillo: «Basta piagnistei sul Pd»

Ma se il leader politico sembra deciso, a mostrarsi più aperto è stato Beppe Grillo: «Siamo cambiati» ha dichiarato commentando i 10 anni del Movimento 5 Stelle. Poi però ha bacchettato il leader Di Maio: «Stop ai piagnistei sulle alleanze con il Pd, non voglio che rimanete qui a dire sempre Pd». Con i toni coloriti che lo contraddistinguono, Beppe Grillo ribadisce ancora una volta che era necessario cambiare. «Fanculo a voi stavolta, non avevamo scelta – ha aggiunto- cambia il mondo e noi siamo ancora qui con onestà, onestà».

 

(Credits immagine di copertina: ANSA/CIRO FUSCO)