De Donno possibile candidato sindaco di Mantova. E indovinate chi lo sosterrà?

di Ilaria Roncone | 27/06/2020

  • Da "non ci penso nemmeno" a "non confermo e non smentisco" il passo è breve

  • La risposta di De Donno rispetto a una sua eventuale candidatura con la Lega è cambiata in meno di un mese

  • Salvini spinge perché diventi candidato sindaco di Mantova per garantirsi la vittoria contro Mattia Palazzi del PD

Indoviniamo che avete già indovinato. Le avvisaglie c’erano tutte, visto quanto accaduto negli ultimi mesi. Abbiamo segnato la definitiva politicizzazione della plasmoterapia quando De Donno è comparso in una diretta sulla pagina del leghista Matteo Salvini. Oggi, come salta fuori da un articolo di Selvaggia Lucarelli per Il Fatto Quotidiano, che De Donno sarebbe pronto a candidarsi come sindaco con una sua lista civica avendo l’appoggio della Lega al Ballottaggio.

LEGGI ANCHE >>> Salvini esulta per De Donno che ha ricevuto un premio per la pace che fu dato anche a Zichichi

Salvini spinge De Donno a candidarsi per la carica di sindaco di Mantova

Matteo Salvini sta spingendo De Donno a candidarsi come sindaco. Lo stesso De Donno che, non più di un mese fa, aveva risposto a una domanda della Lucarelli in merito a un suo possibile coinvolgimento nella politica così: «Io sono felicemente un primario ospedaliero, ho un gruppo di medici meravigliosi, lavoro in un’azienda fantastica, ma secondo lei io mollo una roba del genere per andare a fare il consigliere comunale a Mantova o l’assessore o addirittura il sindaco di Mantova?». La risposta è stata questa, parola per parola. Nemmeno un mese dopo le carte in tavola sono state rivoltate. La domanda è la stessa, la risposta no: «Non confermo e non smentisco».

Cosa potrebbe succedere?

Lo scopo di Matteo Salvini con questa mossa è quello di eliminare il candidato sindaco PD Mattia Palazzi avendo, in sostanza, due candidati che correranno per la Lega. Da un lato Stefano Rossi e dall’altro Giuseppe De Donno, che potranno sostenersi al ballottaggio. Come sostiene la Lucarelli, inoltre, ci sarebbe anche un premio per “l’umile medico di campagna” – come De Donno si definisce -. Potrebbe ottenere una delega o un ruolo più vicino a Fontana nonostante il medico sia ancora consigliere di minoranza a Curtatone (comune nel mantovano) e non abbia mai dato le sue dimissioni.

(Immagine copertina: screen della diretta Facebook di Salvini e De Donno)