Coronavirus, in Svizzera i ‘nuovi eroi’ sono i cassieri

di Enzo Boldi | 20/03/2020

Commessi svizzeri
  • C'è una richiesta urgente di commessi svizzeri

  • La gestione dell'emergenza sanitaria passa anche dal lavoro di chi opera nei supermercati

  • In Svizzera già si parla di "nuovi eroi"

Ogni tempo ha i suoi eroi. In un periodo di emergenza sanitaria globale, l’ovvia attenzione va sul lavoro di medici e infermieri che lavorano alacremente e senza orario nel tentativo di curare e salvare il più alto numero di persone contagiata dal Coronavirus. A loro va il pensiero di tutti, in tutto il Mondo e un ringraziamento che non sarà mai pari alle forze che stanno mettendo in campo. Varcando i confini delle Alpi, però, troviamo un caso particolare: i commessi svizzeri. Per gli elvetici, anche loro sono i ‘nuovi eroi’.

LEGGI ANCHE > «Una volta che indossiamo la mascherina non possiamo né bere né mangiare perché non abbiamo il cambio» | VIDEO

Ce lo racconta da Ginevra Toni Ricciardi che, dalla Svizzera, racconta cosa sta accadendo in questo periodo di pandemia a Insieme nel Mondo, il grande progetto di condivisione organizzato da Insieme in Rete. La situazione è molto grave anche lì, con i contagi che sono saliti a quota 4164 da inizio emergenza e le vittime sono arrivate a 43, con soli 15 guariti.

Commessi svizzeri, i ‘nuovi eroi’

Toni Ricciardi ci racconta, dopo aver parlato dei tristi numeri di questa emergenza, un qualcosa di singolare. Perché se medici e infermieri restano al primo posto tra gli eroi, in questa categoria sono stati inseriti di diritto anche i commessi svizzeri. Il motivo è semplice: c’è penuria di ausiliari di vendita nei negozi che vendono beni di prima necessità, come i grandi supermercati. E la situazione rischia di essere insostenibile in questo periodo. E la categoria «eroi» è nata per tentare di arginare queste assenze.

Come si legge nel post diffuso da Aldi Suisse, c’è un’enorme richiesta e si cercano ausiliari di vendita (scaffalisti o commessi svizzeri, insomma). Per questo motivo si invita il maggior numero di persone possibile a candidarsi senza bisogno di lettere motivazionali o certificati lavorativi. Insomma, si cerca di assumere commessi per gestire al meglio la situazione. Anche loro sono i nuovi eroi.

(foto di copertina: da proiflo Facebook Aldi Suisse)