Clio Make Up lascia New York dopo la folle corsa agli armamenti degli americani | VIDEO

di Enzo Boldi | 18/03/2020

  • La seguitissima influencer italiana Clio Zammatteo, è incinta del suo secondo figlio

  • Ha deciso di lasciare New York dopo aver visto le immagini delle file nei negozi di armi

  • Il racconto su Instagram tra le lacrime

È famosa in tutto il mondo, ma ha un grandissimo seguito in tutta Italia. Per questo motivo il racconto di Clio Zammatteo, meglio conosciuta come Clio Make Up, è molto rilevante. La donna si trova negli Stati Uniti e, fino a ieri, abitava a New York insieme al marito e alla piccola figlia Grace. La donna è incinta, ma è fuggita dalla Grande Mela per paura. Un timore dettato dalla corsa dei cittadini americani agli armamenti dopo i primi annunci di Donald Trump sul Coronavirus e i primi provvedimenti presi dal governo Usa.

LEGGI ANCHE > Gli americani vogliono vincere la guerra contro il Coronavirus facendo la fila per le munizioni

Clio Make Up ha raccontato attraverso le sue Instagram Stories del motivo che ha spinto lei e la sua famiglia lontano da New York. Ha detto di essersi trasferita da amici, sempre negli Stai Uniti, perché nelle grandi città quel che sta accadendo è fuori controllo. E ha fatto riferimento ai cittadini americani che, invece di andare a comprare beni di prima necessità e cibo, hanno deciso di andare a frotte presso i negozi di armi e munizioni. Insomma, per una donna con una bambina piccola e un’altra in arrivo, rimanere nella Grande Mela non era il clima ideale.

Clio Make Up lascia New York dopo la corsa agli armamenti dei cittadini

Clio Make Up ha spiegato che l’unica decisione possibile per la sua sicurezza e per quella della sua famiglia, era quella di lasciare New York. Secondo la nota influencer, il clima che si respira nelle grandi città è molto teso e la criminalità è destinata a crescere proprio per via dell’emergenza legata al Coronavirus. E gli americani sono corsi a rifornirsi di armi e munizioni proprio per auto-difendersi da eventuali atti di criminalità.

(foto di copertina: da Instagram Stories)