La cittadina siciliana che nega la cittadinanza a Liliana Segre: «Non ha meriti particolari»

Liliana Segre

Il consiglio comunale di Geraci Siculo, un paese delle Madonie, in Sicilia, ha respinto a maggioranza la proposta di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. La proposta, che mirava a dare riconoscimento all’impegno della senatrice a vita contro il razzismo, era stata presentata dal gruppo di opposizione ‘UniAmo Geraci’. La maggioranza l’ha bocciata con varie motivazioni tra cui il fatto che Liliana Segre non avrebbe alcun merito particolare nei confronti della comunità.

Il nuovo riconoscimento avrebbe potuto assumere un carattere discriminatorio nei confronti di tutti gli altri deportati nei lager nazisti. Il capogruppo della minoranza, Gaetano Scancarello, ha giudicato ridicole le ragioni del rifiuto con il quale sarebbe stata scritta «una brutta pagina della storia politica recente di Geraci Siculo».

LEGGI ANCHE –> Il sindaco di Biella fa mea culpa: «Sono stato un cretino»

Liliana Segre e il precedente con il sindaco di Biella

Non è la prima volta che viene negata la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. A novembre 2019 il sindaco di Biella, Claudio Corradino, si rifiutò di concederla alla senatrice, proponendola invece a Ezio Greggio per «molteplici motivazioni» tra cui il «suo impegno rivolto al sociale» e il «forte legame mantenuto con le sue origini, la città natale Cossato e appunto il capoluogo Biella». Nelle motivazioni ufficiali si legge anche che il titolo di cittadino onorario verrà conferito anche per «la popolarità televisiva come conduttore, giornalista, attore e regista; per il suo costante impegno attraverso l’associazione ‘Ezio Greggio per i bambini prematuri’» e per «aver contribuito a diffondere in Italia e nel mondo il nome di Biella». Il sindaco ha poi fatto dietrofront, scusandosi pubblicamente: «Sono stato un cretino, lo ammetto e chiedo scusa a Liliana Segre e a Ezio Greggio. Ho invitato la Segre per la Giornata della Memoria», ha detto Corradino.

Liliana Segre e la cittadinanza negata (e poi concessa) a Pescara

Anche a Pescara c’erano state numerose polemiche per il primo rifiuto di concedere la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. In questo caso le motivazioni riguardavano il fatto che la senatrice non avesse alcuna origine nella città adriatica. Poi, il dietrofront: il 27 gennaio 2019, nel giorno della Memoria, Liliana Segre ha ricevuto la cittadinanza onoraria a Pescara.

[CREDIT PHOTO: WIKIMEDIA COMMONS]

 

 

 

Share this article