Quante sono le persone che in Italia guadagnano più di 80mila euro

10/04/2020 di Redazione

Il Partito Democratico non ha fatto in tempo a presentare la sua proposta di legge su un contributo di solidarietà per i redditi superiori agli 80mila euro che subito si è sollevata una sorta di indignazione complessiva da parte dei politici di minoranza (e anche da qualche esponente della maggioranza di governo). Secondo la proposta dem, firmata da Graziano Delrio e Fabio Melilli, il gettito derivante da questa proposta sarebbe pari a 1,3 miliardi di euro da destinare alle classi sociali più deboli. Ma chi guadagna 80mila euro in Italia? Cioè, a quanto ammonta la popolazione che sarebbe colpita da questo provvedimento, che tra l’altro è progressivo e prevede poche centinaia di euro per la fascia base (80mila euro appunto) e alcune migliaia di euro per i redditi superiori al milione?

LEGGI ANCHE > Il Pd propone un contributo di solidarietà da parte di chi ha redditi superiori a 80mila euro

Chi guadagna 80mila euro in Italia, quante persone sarebbero interessate dalla proposta del Pd

Secondo i dati forniti dall’Istat e che si basano sul 2017 (sono gli elementi che ha a disposizione il ministero dell’Economia e delle Finanze), la quota di italiani che guadagnano più di 50mila euro è pari al 5,3% della popolazione. Ovviamente non tutti gli italiani in questa fascia guadagnano più di 80mila euro: considerando che chi guadagna più di 100mila euro in Italia fa parte dell’1,13% della popolazione (tra i 200 e i 300mila euro 0,176% e superiore a 300mila euro lo 0,09%), ragionevolmente il reddito di 80mila euro è a beneficio di circa il 3% della popolazione italiana.

Rispondendo ai criteri di progressività inseriti nell’articolo 53 della Costituzione, tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il 3% della popolazione italiana è davvero rappresentato in maniera così trasversale in Parlamento da suscitare l’indignazione del M5S, di Italia Viva e di tutti i partiti della minoranza? Strano che poi siano tutti d’accordo quando si parla di tagliare gli stipendi ai politici (che, nella maggior parte dei cas, rientrerebbero in questa fascia contributiva).

Share this article
window._taboola = window._taboola || []; _taboola.push({ mode: 'thumbnails-b', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix' }); -->