I tifosi del Celtic ‘sbeffeggiano’ i laziali esultando a testa in giù

di Enzo Boldi | 08/11/2019

Celtic

Al di là del risultato. Il doppio confronto tra Celtic e Lazio in Europa League – con i biancocelesti quasi eliminati dalla competizione dopo la doppia sconfitta con gli scozzesi nel giro di due settimane – ha acquisito una valenza politica che è andata oltre il duello calcistico. Le due tifoserie, di ideali politici diversi (anzi, opposti), si sono rese protagoniste di mobilitazioni differenti, sia per modalità che per tematiche. Il tutto culminato nella violenza del mercoledì sera che ha portato all’accoltellamento di due tifosi biancoverdi.

LEGGI ANCHE > Lazio, vendetta ultrà per lo striscione con Mussolini: accoltellati due tifosi del Celtic

Giovedì sera, al termine del match dell’Olimpico che ha visto trionfare il Celtic all’ultimo minuto grazie al gol dell’ex genoano Ntcham, l’esultanza dei tifosi scozzesi ha sbeffeggiato i sostenitori della Lazio, riportando in auge lo striscione esposto al Celtic Park due settimane fa, con Benito Mussolini appeso a testa in giù a piazzale Loreto e la scritta «follow your leader».

I tifosi del Celtic festeggiano a testa in giù

E sui social è stata pubblicata l’esultanza di un gruppetto di sostenitori scozzesi che hanno voluto irridere quelli laziali (con alcuni di loro che si erano ben distinti a Glasgow per aver fatto una marcetta a suon di braccia tese, saluti romani e inneggi al Duce), facendosi immortalare a testa in giù. Non un esercizio ginnico, ma una riproposizione di quanto scritto in quello striscione esposto al Celtic Park il 24 ottobre scorso.

Le violenze in città

Mercoledì sera, proprio per via degli schieramenti opposti (non solo in campo, ma anche a livello ideologico), alcuni sostenitori del Celtic erano stati aggrediti all’interno di un Pub capitolino. Due di loro sono stati accoltellati ma, fortunatamente, entrambi non sono in gravi condizioni di salute. Anche nel post partita ci sono state alcune tensioni, ma le forze dell’ordine hanno impedito il peggio.

(foto di copertina: da Twitter)

TAG: Celtic