Berlusconi presenta Jole Santelli a Tropea: «La conosco da 26 anni e non me l’ha mai data» | VIDEO

di Redazione | 23/01/2020

C’è anche Silvio Berlusconi in questa campagna elettorale. Oggi, in tour in Calabria, ha voluto presentare la candidata presidente della Regione Jole Santelli, appoggiata anche da Forza Italia (oltre che dalla Lega e da Fratelli d’Italia). L’ex presidente del Consiglio si è distinto, come al solito, anche nel comizio della cittadina di Tropea in provincia di Vibo Valentia. Siparietto Berlusconi-Jole Santelli. Ancora una volta, l’ex premier si è reso protagonista di una presentazione sessista nei confronti della stessa candidata: «La conosco da 26 anni – ha detto Silvio Berlusconi in apertura di comizio – e non me l’ha mai data».

LEGGI ANCHE > L’assurda risposta di Berlusconi a un tifoso dell’Olbia: «Scusate, ma devo andare a puttane» 

Berlusconi-Jole Santelli: «La conosco da 26 anni e non me l’ha mai data»

Il riferimento, ovviamente, è sessualmente esplicito. E la sua battuta è stata accompagnata anche dall’inspiegabile giubilo della piccola folla che era radunata sul lungomare della cittadina calabrese. Come raccolto dalle telecamere presenti (il video è stato estrapolato dalla pagina Facebook La Piazza di Tropea), la battuta del presidente Silvio Berlusconi è stata accolta con un po’ di freddezza dalle persone presenti sul palco, mentre l’ovazione della folla ha reso l’aria un po’ meno gelida.

Il comizio di Silvio Berlusconi è durato poco meno di 6 minuti, mentre per circa 40 minuti ha stretto mani e scattato fotografie insieme agli elettori che sventolavano le bandiere di Forza Italia e intonavano l’inno del partito fondato da Berlusconi nel 1994. Tra i tanti aneddoti raccontati, c’è anche quello delle sue vacanze estive – quando ancora era adolescente – sulla costa calabrese, definita da Berlusconi una delle più belle d’Italia, pronta ad accogliere il riconoscimento di capitale europea della Cultura per il 2021.

Ma ha anche preso in giro Papa Francesco: «Mi avete fatto sentire il vostro affetto e avete stretto la mia mano – ha detto Berlusconi -. Io ho ricambiato, del resto non sono il papa e non posso permettermi di reagire».