I primi risultati dell’autopsia sul corpo di Gioele: «Segni di aggressione da parte di animali»

I resti trovati in un fossato tra i boschi di Caronia, purtroppo, risultano compromessi

26/08/2020 di Enzo Boldi

Autopsia Gioele

Come emerso fin dal giorno del ritrovamento dei resti, i primi risultati dell’autopsia Gioele Mondello non hanno dato grandi indicazioni per risalire alla data e alle cause della sua morte. Gli esperti che questa mattina hanno esaminato il corpo del piccolo – ritrovato mercoledì 19 agosto in un fossato tra i boschi di Caronia – hanno rilevato alcuni segni compatibili con un’aggressione da parte di animali. Ma non è ancora stato possibile chiarire se il piccolo sia morto in seguito a quelle lesioni, o se la fauna locale è entrata in contatto con il suo corpo dopo la morte.

LEGGI ANCHE > L’esposto della famiglia di Viviana e Gioele sulle ricerche a rilento da parte delle forze dell’ordine

Giuseppina Certo, medico legale e consulente della famiglia Mondello che ha partecipato all’autopsia Gioele questa mattina a Messina, ha confermato come i resti del corpicino ritrovato tra i boschi di Caronia siano compromessi. Nelle ultime ore, infatti, l’avvocato di Daniele Mondello ha spiegato che le ricerche di altri resti siano ricominciate in tutta la zona. Nel frattempo, però, i primi dettaglio non forniscono chiarezza sulle cause della morte.

Autopsia Gioele Mondello, segni di animali sui resti

Il medico legale ha spiegato come sui resti del piccolo Gioele siano stati evidenziati, durante l’autopsia, segni di «aggressione da parte della macro fauna». Insomma, alcuni morsi sono stati rinvenuti sul corpo. Ma questa è una notizia che non indirizza le indagini in una direzione ben precisa. Difficile stabilire, visto lo stato compromesso dei resi, se l’aggressione sia arrivata prima (quindi come causa) della morte del piccolo, o solo successivamente.

La ricerca di ulteriori tracce

Sono stati isolati dei campioni di terreno e delle pietre rinvenute tra i resti. Nel frattempo proseguono le ricerche tra i boschi di Caronia. «Abbiamo acquisito dei dati, mancano gli arti e parti di tessuti – ha detto ancora il medico legale e consulente della famiglia Mondello -. Allo stato non è possibile ricavare elementi utili se non da tutti i fattori che potranno emergere dall’indagine specialistica. Deve essere tutto ricostituito singolarmente mettendo assieme tutti i tasselli».

(foto di copertina: da profilo Facebook di Daniele Mondello)

Share this article