Il Tg2 sovranista e il servizio sull’ambasciatore francese: «Pura propaganda» | VIDEO

di Redazione | 07/02/2019

Tg2

«Il servizio del Tg2 sullo scontro Italia Francia con ironie, insulti, semplificazioni, unilateralità è degno di Tele Maduro: sembra scritto direttamente da Dibba. Emilio Fede era la BBC» – ha scritto il costituzionalista Stefano Ceccanti su Twitter. È solo uno dei tweet polemici contro il telegiornale della seconda rete del servizio pubblico, diretto da Gennaro Sangiuliano la cui vicinanza con Matteo Salvini è cosa nota. Recentemente, era stato proprio il giornalista a dire che non c’era niente di male nel fare del Tg2 una sorta di TeleVisegrad. Nel video si parla dei rapporti tesi tra Italia e Francia con una serie di luoghi comuni che partono dalla Gioconda, passano dalle spoglie di Napoleone e arrivano alla testata di Zidane.

LEGGI ANCHE > Otto e mezzo usa un francesismo per la trasmissione sul richiamo dell’ambasciatore

Tg2, il video con il servizio sulla Francia

Tg2, polemiche sul servizio di apertura sulla Francia

Nei servizi di apertura dell’edizione del 7 gennaio, quella dedicata – tra le altre cose – allo scontro diplomatico tra Italia e Francia con il presidente Emmanuel Macron che ha richiamato l’ambasciatore francese a Roma, sono stati aggiunti dei dettagli vistosamente polemici nei confronti del Paese transalpino, unendo appunto una serie di luoghi comuni, tra cui la restituzione della Gioconda e i mondiali vinti dagli azzurri nel 2006 proprio contro la Francia.

Inutile dire che le polemiche sul web si sono scatenate:

Le polemiche sul web per il servizio d’apertura del Tg2

L’argomento del ritiro dell’ambasciatore francese da Roma è senz’altro fondamentale e riflette una crisi tra i due Paesi che non ha precedenti: l’ultima volta che è stato assente dalla capitale italiana il massimo rappresentante diplomatico transalpino era il 1940 e i due Stati erano nel bel mezzo della Seconda Guerra mondiale. Ma il Tg2 sovranista della Rai giallo-verde ritiene sia opportuno fare ironia. E mancava solo il Po-po-po-po-po-pooo finale.

FOTO: ANSA/ ETTORE FERRARI

TAG: Tg2