A Lussemburgo si viaggerà gratis su tutti i trasporti pubblici

di Gaia Mellone | 06/12/2018

  • La capitale di Lussemburgo detiene il record per il traffico peggiore del mondo

  • I biglietti per treni, autobus e tram verrano resi gratuiti dal 2020

  • La decisione del nuovo governo di Xavier Bettel vuole rispondere alle problematiche ambientali

Lussemburgo sta diventando il paese dei sogni: il nuovo governo ha annunciato di voler legalizzare la cannabis, inserire due nuove giornate di festa – compreso l'”Europe Day” – e sopratutto, abbasserà i prezzi, già bassissimi dei trasporti pubblici, rendendoli completamente gratuiti.

LEGGI ANCHE > Toninelli è fuggito dalla commissione ai Trasporti del Parlamento europeo

Lussemburgo, i trasporti diventeranno gratuiti

Lussemburgo potrebbe essere il primo paese al mondo a rendere i trasporti pubblici completamente gratuiti. Nel piccolo paese europeo, le tariffe per viaggiare erano già molto basse. Bastano 2 euro per avere un biglietto valido per due ore di viaggi, ed essendo Lussemburgo grande solo 2586 km², significa che si può tranquillamente attraversare l’intera nazione andata e ritorno spendendo pochissimo. E per chi vuole viaggiare in prima classe, basta un biglietto da 3€, mentre per avere un ticket valido tutto il giorno ne bastano 4. Dalla scorsa estate, i biglietti erano già diventati gratuiti per tutti gli under20. Prezzi decisamente competitivi. All’appello mancano ancora alcuni dettagli, come ad esempio verrà gestita la differenza tra prima e seconda classe. Il funzionamento del sistema di trasporto di Lussemburgo costava all’incirca un miliardo all’anno, ma dopo le ultime offerte concessionarie i costi si sono abbassati a 30milioni l’anno. Rendendo gratis i biglietti, i costi verranno coperti dalla rimozione di una serie di tasse a carico dei pendolari.

La coalizione di Bettel che mette l’ambiente come priorità di governo

Dal 2020 invece, sarà possibile spostarsi in treno, autobus o tram per tutto il paese senza spendere assolutamente nulla. È questo il progetto del governo guidato da Xavier Bettel, ed è pensato anche per scoraggiare l’utilizzo di mezzi privati, c0n conseguenze positive sia per il traffico che per l’ambiente. Il democratico Bettel durante la sua campagna di rielezione, ha promesso ai suoi elettori che avrebbe reso prioritario il tema della salvaguardia dell’ambiente, complice anche la coalizione con il partito dei Verdi e dei socialisti. La città di Lussemburgo detiene infatti il record per il traffico più congestionato del pianeta: sebbene gli abitanti siano solo 110mila, ogni giorno sono in 400mila a muoversi nella capitale per lavorare. Tanto che uno studio certificò che un automobilista nel 2016 aveva speso una media di 33 ore bloccato nel traffico.

(Credits immagine di copertina: pixabay CC0 Creative Commons)