roberto giachetti
|

Congresso Pd? Roberto Giachetti inizia lo sciopero della fame

«Amici cari, visto che voi vi dedicate alle cene e continuate a prendere tempo mentre il Pd scivola sempre più in basso, io smetto di mangiare. Dalla mezzanotte di ieri sciopero della fame per chiedere che sia fissata subito la data del congresso. #congressosubito». Con questo tweet Roberto Giachetti, deputato Pd, annuncia lo sciopero della fame in attesa che si stabilisca una data per il congresso.

LEGGI ANCHE > Il governo M5S-Lega ha una consulenza con Claudia Bugno, ex cda del crac di Banca Etruria

Dopo la cena, annullata, lanciata dall’ex ministro Carlo Calenda verso l’ex segretario Matteo Renzi e l’ex premier Paolo Gentiloni, il partito democratico vive uno dei momenti più critici della sua storia. Al picco nei sondaggi di gradimento degli elettori il Pd cercherà di ritrovarsi in piazza il prossimo 30 settembre. E sulla data dell’evento il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, unico sfidante finora annunciato per la corsa alla segreteria, ha rivolto l’ennesimo invito ai militanti.
«Questo messaggio – ha spiegato sui social – è dedicato a chi non ci crede più, a chi ci crede e lotta, a chi è arrabbiato, a chi vuole criticare, a chi vuole contribuire, a chi non si vuole arrendere. Dopo il 4 marzo e quella drammatica sconfitta c’è un nuovo governo. Sta governando male, ha cavalcato le paure e continua a farlo, non risolve i problemi di questo Paese e anzi li aggrava. Quindi e’ giusto reagire. Maurizio Martina ha convocato per il 30 settembre a Roma una grande manifestazione a Piazza del Popolo e faccio un appello accorato affinché tutti ci si ritrovi in quella piazza». «Poi – ha aggiunto – ci sarà un congresso, si potrà e si dovrà discutere, si deciderà anche su come costruire un’alternativa, ma è molto importante ritrovarci e far vedere che in questo Paese si può cambiare. Si può cambiare anche e soprattutto perché un popolo si ritrova e riprende un cammino. Quindi ci vediamo tutti il 30 a Piazza del Popolo a Roma».