tempo scaduto governo conte
|

Travaglio si «smarca» dal governo Salvimaio e dice che il suo tempo è scaduto

Le parole di Marco Travaglio sul «tempo scaduto» per il governo Conte hanno il sapore della bandiera bianca, tirata su dopo soli tre mesi di esecutivo nel pieno delle sue attività. In un editoriale sul Fatto Quotidiano, il direttore del giornale valuta l’indirizzo che è stato preso in questo ultimo periodo dagli esponenti di Lega e del Movimento 5 Stelle, la cui lotta interna (neanche troppo silenziosa) sta compromettendo la figura del presidente del Consiglio che, secondo lui, cerca disperatamente di fare da mediatore nel cosiddetto governo Salvimaio.

LEGGI ANCHE > Travaglio: «Salvini ha rinunciato all’immunità da cazzaro, perché per i reati ministeriali non è prevista»

Tempo scaduto governo Conte, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio afferma, oggi, che la soluzione più auspicabile dopo il 4 marzo sarebbe stata un accordo del Movimento 5 Stelle con il Partito Democratico, resa impossibile dall’opposizione di Matteo Renzi. Per questo motivo ci si è dovuti ‘accontentare’ sostanzialmente dell’accordo con Matteo Salvini che, secondo Travaglio, sarebbe stato efficace soltanto in caso di rispetto assoluto del contratto di governo e dell’uscita del leader della Lega da quello stato di campagna elettorale permanente che lo sta caratterizzando.

Queste ultime due ipotesi, secondo Travaglio, non si sono verificate. Per questo motivo, quindi, il Movimento farebbe bene a smarcarsi il prima possibile dall’alleato di governo, possibilimente in vista delle prossime elezioni europee del 2019. «Salvini – scrive Travaglio – non ha alcuna intenzione di risolvere i problemi, ma solo di usarli. È sempre in giro a fare propaganda e in questo somiglia spaventosamente a B. e a Renzi: l’amministrazione forse lo annoia, forse non gli interessa proprio».

Tempo scaduto governo Conte, le insanabili differenze tra M5S e Salvini

Travaglio rivaluta i 15mila in piazza a Milano che hanno manifestato nel corso dell’incontro tra Salvini e Viktor Orban, sostiene che il ministro dell’Interno invece che «prima gli italiani» stia pensando a «prima gli ungheresi» e sottolinea, anche in questo facendo una retromarcia rispetto a quanto scritto in passato, come la diminuzione degli sbarchi abbia come presupposto le «agghiaccianti condizioni» dei campi lager in Libia.

Sempre secondo il direttore del Fatto Quotidiano, infine, la Lega di Salvini è molto vicina alle lobby (come ha dimostrato il caso Autostrade, dopo il crollo del ponte di Genova) e che anche su questo punto il Movimento 5 Stelle farebbe bene a mollare la presa. Pertanto, invita i pentastellati a staccare la spina il prima possibile. Precedendo Salvini che, invece, lo farà senz’altro prima o dopo le europee del 2019.

FOTO: ANSA/GIUSEPPE LAMI