Esperia, padre uccide figli e poi si suicida
|

Uccide due figli e si toglie la vita: è successo a Esperia, in provincia di Frosinone

Tragedia a Esperia, piccolo comune in provincia di Frosinone. Gianni Paliotta, 70enne ex ferroviere in pensione, ha ucciso a colpi di pistola i suoi due figli – rispettivamente di 19 e 27 anni – prima di suicidarsi con la stessa arma nella loro casa vicino alla piazza centrale del Paese. Dalle prime indiscrezioni, nel mirino dell’uomo ci sarebbe stata anche la moglie che, però, si sarebbe salvata perché uscita di casa pochi minuti prima.

LEGGI ANCHE > Manuela Bailo, l’amante confessa l’omicidio della donna scomparsa a fine luglio

Il duplice omicidio è avvenuto questa mattina in via Vittorio Emanuele a due passi da piazza Consalvo, zona centrale di Esperia, piccolo comune tre i Monti Aurunci. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo ha atteso che la moglie uscisse per andare all’ufficio postale e, poco dopo le 7.30, ha ucciso i figli che stavano ancora a letto. Le due vittime sono Isabella, di 18 anni, fresca di diploma, e Mariano, 25enne che lavorava a Roma come chimico e che tornava a Esperia solo per le vacanze estive.

Il pensionato di Esperia non avrebbe accettato la grave malattia della figlia

Sentiti i colpi d’arma da fuoco – una calibro 22 legalmente detenuta – dall’ufficio postale a pochi passi dalla sua abitazione, la donna ha fatto subito rientro a casa ma ha trovato i tre corpi senza vita riversi nel sangue. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo e il magistrato della Procura di Cassino che ora stanno indagando sulle cause che hanno portato l’uomo a uccidere i suoi due figli, prima di suicidarsi con la stessa arma da fuoco. Tra le ipotesi al vaglio, quella che l’uomo non avesse accettato la grave malattia ai reni diagnosticata pochi mesi fa alla figlia. Dai primi racconti, non sarebbero emersi dei dissapori in famiglia prima del folle gesto di questa mattina.

È la seconda tragedia che colpisce il paese di Esperia nell’ultimo mese

La tragedia di via Vittorio Emanuele è la seconda che colpisce e stravolge la piccola comunità di Esperia negli ultimi 20 giorni. Il 2 agosto scorso, durante una lite familiare, un figlio aveva ucciso con alcune coltellate il proprio padre.

 

(immagine di copertina: archivio Ansa)

TAG: Esperia