padre Daisy Osakue
|

Che importanza ha se il padre di Daisy Osakue nel 2002 era stato arrestato?

Nell’insieme delle voci di commento ai fatti di Moncalieri dei giorni scorsi, quando l’atleta italiana Daisy Osakue è stata colpita da quel lancio di uova in piena notte che le ha provocato una seria abrasione che rischia di farle saltare gli europei di atletica leggera, arriva anche una vecchia notizia del 2002, messa in evidenza dalla giornalista de Il Giornale Laura Tecce. Quest’ultima ha ripescato dagli archivi un fatto di cronaca che vedrebbe coinvolto il padre della 22enne atleta azzurra.

LEGGI ANCHE > La bufala della benda di Daisy Osakue

Padre Daisy Osakue e il fatto di cronaca avvenuto nel 2002

In modo particolare, si fa riferimento a un episodio di sfruttamento della prostituzione. Nell’ambito di quella operazione, vennero arrestati tre nigeriani, Odion Obadeyi (28 anni), Lovely Albert (30 anni) e il convivente di quest’ ultima, Iredia Osakue (29 anni). Il fatto contestato era quello di aver favorito la prostituzione anche di giovani connazionali irregolari.

La giornalista ha poi aggiornato il suo post con la verifica dei dati contenuti nel vecchio articolo del 2002. Dopo aver consultato la caserma dei carabinieri di Moncalieri, che all’epoca eseguì l’arresto, Laura Tecce ha confermato che la persona arrestata nel 2002 è proprio il padre di Daisy Osakue. «Il comando dei carabinieri di Moncalieri – ha scritto la Tecce su Facebook -, che all’epoca eseguì l’arresto, mi ha confermato che l’uomo arrestato per sfruttamento della prostituzione di donne nigeriane nel 2002 è Iradie Osakue, padre di Daisy Osakue ».

Padre Daisy Osakue, cosa cambia nell’interpretazione dell’aggressione alla giovane atleta?

Ora, dopo questo serio lavoro di ricerca e di verifica delle fonti, è opportuno chiedersi: e questo cosa c’entra con l’aggressione subita dalla ragazza di 22 anni? Dobbiamo pensare che, nel caso in cui sia verificata la matrice razzista del lancio di uova – come, tra l’altro, sottolineato dalla stessa ragazza nelle interviste che ha rilasciato -, il fatto possa essere meno grave, visti i precedenti del padre di Daisy? Una narrazione del genere punta esclusivamente a spostare il focus del problema su altro. Davvero il dato individuato dalla giornalista de Il Giornale è così necessario nel dibattito che si è scatenato negli ultimi giorni?

FOTO: ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO