salmonella Ritz
|

C’è un allarme salmonella per i Ritz

Allarme salmonella per i Ritz. I famosi crackers rotondi, prodotti da un’azienda statunitense, potrebbero presentare il pericoloso batterio. Per questo motivo, diversi lotti di Ritz immessi sul mercato sono stati ritirati. Il tutto avviene a poca distanza dal pericolo riscontrato nei cereali Honey Smacks della Kellogg’s.

LEGGI ANCHE > Perché i batteri africani potranno salvarci da malanni e allergie

Salmonella Ritz, scatta l’allarme

A far scattare sugli attenti la casa di produzione e i clienti sono stati gli uomini della Mondelez Global LLC, che produce il siero di latte necessario per la produzione dell’articolo. Il problema alimentare, infatti, è stato riscontrato proprio a questo punto della catena per la realizzazione dei crackers. La US Food and Drug Administration (FDA), responsabile in queste situazioni, ha fatto la supervisione per l’operazione di ritiro dei lotti.

Salmonella Ritz, l’allarme non riguarda l’Italia

I crackers Ritz vengono essiccati ad alte temperature. La situazione ideale, insomma, per permettere al batterio della salmonella di prosperare. Il microrganismo può causare delle infezioni molto gravi nelle persone che lo contraggono, che a loro volta provocano febbre, diarrea, nausea, vomito e dolori addominali.

Il ritiro dei lotti di Ritz, in ogni modo, non riguarda l’Italia. Il problema, infatti, in base a quanto riportato dall’agenzia statunitense che ha curato la supervisione dell’operazione è stato circoscritto agli Stati Uniti, a Porto Rico e alle Isole Vergini.

(Credit Image: © Vince Talotta/The Toronto Star via ZUMA Wire)

TAG: Ritz