toto riina liberato
|

Totò Riina ha fatto evadere Liberato: l’assurda bufala in rete

Totò Riina ha aiutato all’evasione di Liberato. Il meme, che gira sui social, citando il numero 1 di Cosa Nostra viene preso per un fatto reale. Ovviamente si tratta di fake news. Nessuno conosce l’identità e il passato di Liberato. E l’aneddoto citato non ha nessun riscontro con la realtà.

Totò Riina durante l’ora d’aria nel cortile del carcere, notò un ragazzo seduto che piangeva.
Sì avvicinò, si sedette di fianco a lui e gli chiese: “Cosa c’è ragazzo?”.
Il ragazzo, sorpreso dall’uomo, rispose: “Ho scritto tante poesie e vorrei farle sentire a tutti, ma finchè sono qui dentro il mio sogno non si realizzerà mai…Tieni, almeno tu leggile”
Riina lesse le poesie, trattenne le lacrime a stento e rispose al ragazzo: “Non ti preoccupare figliolo, ora ti faccio evadere, ti do il numero di un mio amico e le tue poesie diventeranno musica, il tuo nome lì fuori sarà: Liberato”

LEGGI ANCHE > Chi è Liberato? Alla fine non conta chi sia ma soprattutto cosa farà

Una cosa impossibile per tre semplici motivi. Come spiega la pagina “la verità su Liberato” non si trova alcun riscontro da fonti certificate, Riina era sottoposto a un rigido regime carcerario a Parma (nulla a che fare con Napoli), Liberato difficilmente avrà oltre 40 anni. Tralasciando il fatto che nessuno sappia in realtà chi sia Liberato.