matteo salvini
|

Il politico più popolare? Matteo Salvini

Le elezioni regionali in Molise e nel Friuli Venezia Giulia e il caos consultazioni hanno minato la popolarità di Lega e 5 stelle? Se lo chiede Nando Pagnoncelli che per Il Corriere della Sera pubblica oggi un sondaggio che mostra Salvini tra i leader più graditi.

Iniziamo con gli orientamenti di voto che fanno segnare due variazioni di rilievo, rappresentate dalla crescita della Lega che passa dal 19,5% di due settimane fa al 21,2% odierno (+1,7%) e dal calo del Pd che scende dal 19,5% al 18,3% (-1,2%). Al primo posto si conferma il M5S con il 33,7% (+0,2%), seguito da Lega e Pd, quindi Forza Italia con il 13,1% (+0,2%), Fratelli d’Italia (3,6%, in calo di 0,7%), Liberi e Uguali (2,8%) e Più Europa (2,2%). Il quadro complessivo, quindi, conferma lo scenario emerso il 4 marzo: il centrodestra è la prima coalizione e sfiora il 39% dei consensi (avvicinandosi alla cosiddetta «soglia implicita» del 40% che potrebbe garantire la maggioranza), i pentastellati consolidano il loro primato, il centrosinistra arretra di 1,4%, mentre i partiti più piccoli, penalizzati da una minore visibilità mediatica, lasciano sul terreno qualche decimale e l’area dell’astensione si mantiene sui livelli sostanzialmente stabili. L’indice di gradimento dei leader fa registrare un cambiamento nelle posizioni del podio, infatti mentre in aprile Di Maio (indice 45) precedeva Salvini (43) e Gentiloni (41), oggi Salvini (44) prevale su Gentiloni (43) e Di Maio (37), scivolato al terzo posto con un calo di 8 punti. A seguire Fico (35, in calo di 4 punti), Meloni (29), Casellati (24, in crescita di 5 punti dopo la ribalta del mandato esplorativo), Berlusconi (23) e Martina (21). Chiudono la graduatoria Renzi (15) e Grasso (14), entrambi in flessione.

LEGGI ANCHE > SALVINI HA DETTO CHE, PUR DI FARE IL GOVERNO CON DI MAIO, GLI PORTEREBBE LA COLAZIONE A LETTO

La Lega – spiega Pagnoncelli – è in costante aumento. Da Febbraio in poii ha guadagnato il 18 per cento. A seguire il MoVimento, con il 41% dei consensi, in crescita di 8 punti rispetto a febbraio, ma in flessione di 10 punti rispetto al picco raggiunto a fine marzo. Terzi Fratelli d’Italia, con il 27%, poi Forza Italia (23%, in calo del 6%), il Pd (19%, meno 11%) e Leu (10%, meno 9%).

(foto copertina Ansa)