L’app Immuni dovrebbe essere sperimentata in tre Regioni a partire dal 5 giugno

di Enzo Boldi | 26/05/2020

App Immuni
  • In Puglia, Abruzzo e Liguria, ma prima occorre il via libera del Garante della Privacy

  • Si dovrebbe partire venerdì 25 giugno, con un test di una settimana

  • Poi potrebbe arrivare il via libera a livello nazionale

Dovrebbe essere un via libera scaglionato. L’app Immuni, il sistema di contact tracing individuato dal governo per tracciare i contatti – nel tentativo di monitorare eventuali nuovi focolai di contagio – sta per vedere la luce. All’inizio si era parlato di inizio maggio, poi della fine del mese in corso. Ora, durante la video-conferenza tra le Regioni, il ministro Boccia e la ministra dell’Innovazione Paola Pisano, è stata fatta una data: quella di venerdì 5 giugno. Ma, secondo le indicazioni, si dovrebbe iniziare in tre zone diverse d’Italia, con una sperimentazione che durerà una settimana prima dell’ok a livello nazionale. C’è ancora da scioglier, però, il nodo legato al parere del Garante della privacy.

LEGGI ANCHE > La storia dell’app Android per il tracciamento Covid-19

Come riporta il quotidiano La Repubblica, l’autorità dovrà dare il via libera valutando se il funzionamento dell’App Immuni non collida con tutte le stringenti normative sulla privacy di ogni singolo cittadino. Una volta arrivato questo parere – probabilmente prima del 5 giugno – si partirà in tre Regioni d’Italia: Liguria, Abruzzo e Puglia. Nord, Centro e Sud. Sarebbero queste le tre zone individuate per avviare la sperimentazione.

L’App Immuni e il test dal 5 giugno

Il tutto dovrebbe durare una settimana e se dovessero arrivare dati di un corretto funzionamento, da venerdì 12 giugno l’App Immuni sarà messa a disposizione di tutti gli italiani. Come sostenuto dal governo, non sarà obbligatorio installare l’applicazione sui propri smartphone, con i singoli cittadini che decideranno se, come e quando scaricare l’applicazione per il tracciamento dei contatti.

Puglia, Abruzzo e Liguria nella sperimentazione

A dare il via libera alla sperimentazione, previa parere positivo del Garante della Privacy, sono stati i governatori di Puglia, Abruzzo e Liguria che, per primi, hanno deciso di testare le funzionalità dell’applicazione realizzata da Bending Spoons. La data scelta è un venerdì, giorno in cui inizia un weekend estivo.

(foto di copertina: da Pixabay)