Dopo le sconfitte con la Boldrini, il ministro ha esteso il VinciSalvini anche su Twitter

di Gianmichele Laino | 09/05/2019

Vinci Salvini
  • Matteo Salvini ha lanciato la seconda edizione del Vinci Salvini

  • Quest'anno si potranno accumulare punti anche su Twitter e Instagram

  • Una risposta alle sconfitte subite da Laura Boldrini sul social dei cinguettii?

Clima da anni Ottanta, con tanto di siglette musicali e green screen a profondità infinito. Manca solo la ruota della fortuna o il tabellone di Ok, il prezzo è giusto. Poi, il ministro dell’Interno può dare vita alla seconda edizione del concorso Vinci Salvini. Era già successo l’anno scorso, in concomitanza con le elezioni politiche: i fan sui social network del ministro avrebbero dovuto riempire la pagina di like per ottenere dei premi simbolici. Una foto da condividere sui canali di Salvini o – per i più fortunati e assidui – un incontro di persona con il leader della Lega.

LEGGI ANCHE > Salvini esulta per la chiusura degli shop di cannabis, per Giuseppe Conte «non è all’ordine del giorno»

Vinci Salvini, il concorso lanciato dal ministro

Ma quest’anno c’è una novità. Si potranno accumulare punti per il Vinci Salvini non soltanto su Facebook, ma anche su Instagram e su Twitter. Proprio su questo punto c’è da fare un piccolo excursus che – forse – può rivelare l’indebolimento del messaggio social del ministro dell’Interno in particolar modo sul network dei cinguettii.

Perché il Vinci Salvini funziona anche su Twitter e Instagram

Negli ultimi giorni, infatti, è capitato in diverse occasioni – almeno quattro i casi più clamorosi, ma possiamo ricordare anche altri episodi simili in passato – in cui le risposte di avversari politici come Laura Boldrini ai tweet del ministro avevano superato, per like e per retweet, il messaggio originale lanciato dallo stesso Salvini.

Il concorso Vinci Salvini esteso anche a Twitter e Instagram è semplicemente un modo per aumentare l’engagement degli account ufficiali del ministro ed evitare le famose sconfitte in casa. Può darsi che il risultato venga raggiunto, ma – se così fosse – il metodo utilizzato sarebbe davvero sleale. L’anno scorso l’iniziativa ebbe un ottimo successo, ma non mancarono le critiche. Dal momento che era necessaria l’iscrizione al sito salvinipremier.it, qualcuno aveva avanzato dubbi sulla gestione dei dati personali di tutti i followers che accettavano di partecipare al concorso.

Quest’anno, il Vinci Salvini sembra avere uno scopo diverso. Aumentare le interazioni su Twitter e Instagram per impedire a chiunque altro di avere una voce social più alta di quella del ministro dell’Interno.

[Screenshot dal video Vinci Salvini su Twitter]