Pierluigi Rotta e Matteo De Menego, i due poliziotti 30enni uccisi nella Questura di Trieste

di Enzo Boldi | 04/10/2019

Trieste

Avevano poco più di 30 anni i due agenti uccisi all’interno della Questura di Trieste. Si tratta dell’agente scelto Pierluigi Rotta (34 anni) e dell’agente Matteo De Menego (31 anni). Entrambi prestavano servizio lì, nel luogo dove sono stati uccisi dalla follia di due fratelli fermati per furto che, per fuggire all’arresto, hanno sfilato una pistola e hanno sparato a bruciapelo a tutti coloro i quali si mettevano sul loro cammino.

LEGGI ANCHE > Sparatoria a Trieste, i testimoni: «Hanno sfilato la pistola a un poliziotto, poi hanno sparato a bruciapelo»

Pierluigi Rotta aveva 34 anni e si era trasferito a Trieste, proprio per lavorare alla Questura, dalla sua Napoli. E non era nato in Friuli neanche l’altra vittima di questo folle pomeriggio triestino: Matteo De Menego, il 31 enne agente di polizia, era originario di Velletri, cittadina in provincia di Roma. Sono loro le due vittime di una barbarie folle all’interno degli uffici della Questura.

Chi sono i due fratelli aggressori

Secondo le prime indiscrezione, i due fratelli colpevoli di questo agguato all’interno della Questura, sono due cittadini sudamericani in Italia con regolare permesso di soggiorno. Uno dei due avrebbe sfilato la pistola dalla fondina di un agente iniziando a sparare ai poliziotti che tentavano di fermarlo. Si tratterebbe di due ragazzi ecuadoregni, coetanei degli agenti di polizia uccisi nel pomeriggio.

Fonti della Questura, citate dall’Ansa, spiegano che i due fratelli sono di nazionalità dominicana e si chiamano Alejandro Augusto Stephan Meran, di 29 anni, affetto da disagio psichico, e Carlysle Stephan Meran, di 32. A sparare sarebbe stato il più giovane.

Pierluigi Rotta e Matteo De Menego, i due poliziotti uccisi nella Questura di Trieste

Uno dei due fratelli è stato ferito in modo lieve a una gamba prima di essere fermato dalla Polizia; l’altro ha tentato la fuga nei sotterranei della Questura di Trieste dove, qualche minuto dopo, è stato raggiunto e arrestato dagli agenti. Il tutto mentre si tentava, vanamente, di rianimarli. Pierluigi Rotta e Matteo De Menego non ce l’hanno fatta, mentre un loro terzo collega è rimasto ferito. Ma vivo.

(foto di copertina: ANSA / us Polizia di Stato)

TAG: Trieste