Sergio Sylvestre dice che Salvini dovrebbe informarsi su cosa significhi essere nero

di Gianmichele Laino | 18/06/2020

Sergio risponde a Salvini

Di Sergio Sylvestre, ormai, è stato scritto tutto. Il cantante vincitore di Amici 15, infatti, chiamato a esibirsi prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus, ha commesso un errore nell’esecuzione dell’inno nazionale a cappella. Nell’ultima parte dell’inno, infatti, si è fermato per un inciampo sulle parole. Cosa che ha causato una serie di critiche sui social network, soprattutto da parte di un pubblico sovranista che non ha esitato a scrivere frasi come «vogliamo solo cantanti italiani» e cose del genere. Inoltre, lo stesso Sergio aveva spiegato il motivo di quell’errore, non una banale dimenticanza del testo, ma l’emozione per essersi trovato a cantare in uno stadio vuoto. Nella giornata di oggi, Sergio Sylvestre ha ricevuto anche l’attacco di Matteo Salvini che, immancabilmente, riesce a cavalcare tutte le polemiche sui social network.

LEGGI ANCHE > Nonostante il video, Salvini nega di aver mangiato ciliegie mentre Zaia parlava di neonati morti

Sergio risponde a Salvini sulle accuse per l’errore nell’inno e per il pugno chiuso

Salvini si è arrabbiato sia per il pugno chiuso di Sylvestre alla fine dell’esibizione (un omaggio alle proteste statunitensi del Black Lives Matter, in seguito all’uccisione da parte dei poliziotti di Minneapolis di George Floyd), sia per l’errore di esecuzione: ha condiviso un video con la didascalia «sbaglia l’inno e saluta col pugno chiuso, ma dove l’hanno trovato? povera Italia». Parole a cui lo stesso cantante ha replicato nel corso di un’intervista al Corriere della Sera.

«A Salvini dico che forse dovrebbe informarsi meglio – ha affermato il cantante -. Dovrebbe cercare di capire cosa significa quel pugno o un movimento come Black Lives Matter. Ma in fondo non può, lui non può capire cosa vuol dire essere nero. Io però sono nato così. Quando è morto George Floyd ho visto che hanno fatto tutti i post, non so se anche lui lo ha fatto. In ogni caso, se ha bisogno di chiarimenti sul significato del pugno e su cosa vuol dire essere nero, mi chiami pure che sono disposto a spiegarglielo».