L’ennesimo autogol del M5S: invita i followers a scrivere #SeNonCiFosseIlMovimento

di Gianmichele Laino | 22/05/2019

Se non ci fosse il Movimento
  • Il M5S ha chiesto ai propri followers di scrivere su un cartello cosa succederebbe "Se non ci fosse il Movimento"

  • Ovviamente, lo shitstorm è partito immediatamente

  • La top 5 dei commenti migliori

Quanto tempo ci sarà voluto per partorire questa idea? A meno di clamorosi colpi di scena, la nuova campagna sui social network fatta partire dal Movimento 5 Stelle ha i contorni di un gigantesco autogol. Già, perché i pentastellati stanno chiedendo ai loro followers di scrivere su un pezzo di carta, di fotografare e di condividere sui social network la loro idea di un mondo senza M5S, a colpi di hashtag #SeNonCiFosseIlMovimento.

LEGGI ANCHE > Il M5S fa le barricate, dice no alla proroga della convenzione e stacca la spina a Radio Capitale

Se non ci fosse il Movimento, l’iniziativa boomerang del M5S

Questo il messaggio diffuso su Twitter e sul Blog delle Stelle dagli account ufficiali pentastellati: «Vi siete mai chiesti come sarebbe l’Italia senza il MoVimento 5 Stelle? Provate a dare delle risposte: basta prendere un foglio e scriverci sopra una frase, fargli una foto e condividerla sui social con l’hashtag #SeNonCiFosseIlMoVimento».

Tutte le prese in giro a “Se non ci fosse il Movimento”

Ovviamente, l’inferno si è scatenato sotto al tweet, lanciato poco meno di un’ora fa. In rete è già pieno di meme che prendono in giro l’iniziativa pentastellata. Un utente scrive: «Se non ci fosse il Movimento, ‘na manica de falliti in meno da mantenè»

Un altro, giocando sulla proverbiale scarsa familiarità di alcuni esponenti pentastellati con il congiuntivo, chiede di rivedere l’hashtag e di trasformarlo in #SeNonCiSarebbeIlMovimento:

E poi ancora, se non ci fosse il Movimento, i fasci non sarebbero al governo, oppure non ci sarebbe Toninelli.

Il vignettista Gipi fa notare che una campagna del genere significa proprio andarsele a cercare e detta la prima regola aurea di una iniziativa sui social network: «Una delle prime regole della rete è: Mai mettere un cartello sul quale altri possano mettere delle frasi».

Come dargli torto.

TAG: M5S