Matteo Salvini sponsorizza la scuola di formazione politica insieme ad Armando Siri

di Gaia Mellone | 20/06/2019

  • Il post di Matteo Salvini che pubblicizza la quinta edizione della Scuola di Formazione Politica

  • Insieme a lui nel poster pubblicitario c'è Amando Siri

  • L'ex sottosegretario è indagato per corruzione

Matteo Salvini e Armando Siri insieme, felici e sorridenti, uniti per pubblicizzare la nuova edizione della Scuola di formazione politica. I social non passano sopra alla stranezza: «Certo mettere nel manifesto uno che sta avendo questi trascorsi con la giustizia non è una gran mossa».

Matteo Salvini sponsorizza la scuola di formazione politica insieme ad Armando Siri

Perché Armando Siri è nel poster che pubblicizza la Scuola di Formazione Politica? Semplice, perché ne è l’ideatore. Matteo Salvini invece è il promotore. È la quinta edizione quella che il vicepremier leghista annuncia con entusiasmo su Facebook. «6 domeniche indimenticabili: un’occasione di studio, di ascolto, di confronto e di crescita, che tutti ci invidiano» scrive nel suo post su Facebook Matteo Salvini, spiegando che si tratta di «un percorso formativo che dura 3 anni e coinvolge massimi esponenti della politica, delle istituzioni, delle professioni, dell’imprenditoria italiana, oltre a docenti universitari di primo piano». Un’occasione imperdibile, poi però si lascia prende la mano con il tono alla vinci Salvini: «Quest’anno in palio anche 10 borse di studio per giovani fino a 24 anni e la possibilità di seguire le lezioni anche online!». Del resto Matteo Salvini è il promotore, e la promozione la sa fare.

Eccoci arrivati alla 5^ edizione della nostra Scuola di Formazione Politica!Si parte il 20 ottobre per 6 domeniche…

Gepostet von Matteo Salvini am Donnerstag, 20. Juni 2019

La Scuola di Formazione Politica è patrocinata dalla Lega e non stupisce quindi che abbia nel suo ambassador principale il leader Matteo Salvini. La scelta di mettere Armando Siri così in primo piano è però un’arma a doppio taglio. Vero è che ne è l’ideatore, ma altrettanto vero è che su di lui pendono accuse molto pesanti.  L’iniziativa , si legge nel sito e sulla pagina Facebook, è nata «per chi intende arricchire le proprie conoscenze politiche e istituzionali» con una offerta  formativa che «mira dunque a trasmettere in modo approfondito e articolato la conoscenza del nostro sistema politico, amministrativo, economico e sociale». Sul sito, Armando Siri descrive come sia importante conoscere i meccanismi della politica per poter cambiare la società in cui viviamo e perseguire i valori in cui crediamo. «Conoscere come funziona lo Stato, quali siano le sue origini, quale potrebbe essere la sua evoluzione non è puro manierismo intellettuale, ma è indispensabile per poter scegliere se crediamo che lo Stato sia un modello da difendere e migliorare, oppure se lo vogliamo definitivamente mandare in soffitta sostituendolo con un comitato di multinazionali» continua nella lettera che presenta la “Mission” della scuola. Parole giuste, che non stonano a fianco all’immagine di un filosofo, ma che stridono con lo scandalo che ha travolto il suo autore Armando Siri. Ancora il processo non è arrivato alla fine, ma con un’accusa di corruzione sulle spalle, forse, sarebbe stato meglio lasciare spazio solo a Matteo Salvini.

(Credits immagine di copertina: Facebook Matteo Salvini