La faccia di Sara Serraiocco quando Sgarbi le si avvicina per premiarla: «La distanza è questione di rispetto»

L'attrice trentenne abruzzese aveva meritato uno dei premi Kinéo

di Redazione | 07/09/2020

Sara Serraiocco

Un dettaglio che è stato colto dalle telecamere del Corriere della Sera inviate a Venezia per coprire la 77ma mostra internazionale del Cinema. Protagonisti l’attrice Sara Serraiocco e Vittorio Sgarbi, critico d’arte e deputato eletto tra le fila di Forza Italia. Oggetto del contendere – nemmeno a dirlo – il distanziamento sociale. Nel corso della cerimonia dei premi Kinéo che si è svolta sabato sera nella cornice della dimora cinquecentesca dei Dogi Morosini a Ca’ Sagredo, Vittorio Sgarbi è stato chiamato sul palco a premiare Sara Serraiocco.

LEGGI ANCHE > Sgarbi: «Se Zangrillo cambia idea e Berlusconi peggiora, allora ho sottovalutato il coronavirus»

Sara Serraiocco e la polemica con Vittorio Sgarbi sul rispetto delle distanze

Il deputato era già stato notato aggirarsi per la cerimonia senza mascherina, stringendo spesso le mani delle persone che incontrava. Sul palco nessuno dei presenti indossava il dispositivo di protezione, ma si cercava sostanzialmente di mantenere le distanze. Vittorio Sgarbi, tuttavia, ha prima stretto la mano dell’attrice abruzzese Sara Serraiocco e poi le si è avvicinato per farsi scattare alcune foto.

Durante gli scatti, tuttavia, il volto dell’attrice sembrava visibilmente contrariato. Per questo motivo, a un certo punto, rivolgendosi ai fotografi, Sara Serraiocco ha chiesto di mantenere le distanze. Sgarbi ha subito fatto un passo indietro, ma l’attrice ha voluto precisare: «Vorrei mandare un messaggio sul rispetto delle distanze perché è una misura fondamentale. Io ho anche avuto un parente che è stato male a causa del coronavirus, quindi mi sembra importante rispettare il distanziamento».

La risposta istituzionale di Vittorio Sgarbi a Sara Serraiocco

Sul palco, Sgarbi ha dribblato la polemica, evitando lo scontro dialettico (tra lo stupore generale): «Sono d’accordo. Non indosso la mascherina proprio perché rispetto le distanze. Poi è bene stare a distanza, perché non va bene amarsi troppo».

Sara Serraiocco è uno dei profili più interessanti del cinema italiano, ottenendo riconoscimenti anche a livello internazionale. Al momento, la pellicola che le ha dato maggior lustro è stata Salvo (nel 2014) che le ha permesso di conquistare un Nastro d’Argento, un Globo d’oro e un premio Kinéo al Festival del Cinema di Venezia. Nel 2020 è la protagonista del film Io sto bene che è attualmente in fase di post-produzione.