La moltiplicazione delle firme farlocche (e plurime) sulla petizione ‘Salvini non mollare’

di Enzo Boldi | 06/02/2019

Salvini non mollare
  • La petizione online su Salvini non mollare presenta gravi criticità

  • Il lavoro di debunking di Alex Orlowski ha evidenziato la possibilità di mettere firme plurime

  • L'analisi è anche sui finti profili twitter che hanno citato l'hashtag #salvininonmollare

Se volete salvare Matteo Salvini dal processo sul caso della nave Diciotti potere accorrere sul sito della petizione online. E se poi volete salvarlo più e più volte potete mettere ripetutamente e compulsivamente la vostra firma. La Lega ha creato il  portale salvininonmollare.it per coinvolgere i sostenitore del loro leader a una mobilitazione sul web – oltre che ai banchetti posti in alcune strade sparse per tutta Italia, con la polemica anche per alcuni poliziotti in divisa che si sono fermati a iscrivere il proprio nome sulle liste – lasciando la possibilità di firmare più volte la petizione. Errore o dimenticanza? Sta di fatto che degli oltre 66mila sostenitori molti sono frutti di un sostegno plurimo a Salvini non mollare.

La criticità – per usare un eufemismo – è stata evidenziata da Alex Orlowski, noto esperto di marketing politico, social media intelligence, spin doctor e anche regista, che già nel passato aveva portato avanti uno studio sui profili fake a sostegno di Matteo Salvini e dell’hashtag Salvini non Mollare. Il lavoro di debunking fatto dal 51enne di Parma ha mostrato la facilità con cui è possibile accedere sul sito e firmare più volte sulla petizione.

 

Le firme ‘gonfiate’ di Salvini Non mollare

Il metodo è molto facile e immediato. Si digita l’indirizzo del sito, si lasciano le proprie generalità (nome, cognome, genere, Paese, regione, comune e provincia di residenza e il proprio indirizzo e-mail) e si clicca su sottoscrivi. Tutto finito? Assolutamente no. Infatti basta ricaricare la pagina e ripetere l’operazione per iscrivere nuovamente il proprio nominativo alla raccolta firme Salvini non Mollare. Come spiega Alex Orlowski, sarebbe bastato mettere un blocco alle firme doppie, triple e plurime per evitare di poter firmare più e più volte la petizione.

 

 

Errore, dimenticanza o furbo escamotage?

La prima domanda che viene in mente dopo questa analisi è: si tratta un errore, una dimenticanza dovuta alla fretta di creare in fretta e in furia il sito per la petizione Salvini non mollare o un classico escamotage furbesco per gonfiare i numeri e far apparire un sostegno elevato?

(foto di copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)