Esplode una cascina in provincia di Alessandria: morti tre vigili del fuoco

di Enzo Boldi | 05/11/2019

Quargnento
  • Tragedia nella notte nell'Alessandrino

  • Due vigili sono morti dopo l'esplosione di una cascina a Quargnento

  • Un terzo, dato per disperso, è stato ritrovato con una ferita alla gamba

Tre vigili del fuoco sono morti (inizialmente si pensava fossero solamente due) per l’esplosione di una cascina a Quargnento, piccolo comune di 1400 anime nella piana di Alessandria (Piemonte). Una quarta persona, sempre un pompiere, risultava disperso per via della deflagrazione violenta, ma dopo alcuni minuti di ricerca è stato trovato vivo seppur ferito a una gamba. Le sue condizioni di salute, però, non sembrano essere gravi. Ancora da chiarire le cause di questa violenta esplosione all’interno di uno stabile in cui non viveva nessuno.

LEGGI ANCHE > Latina, due studentesse disegnano svastiche sui muri a scuola: il padre di una delle due la spinge a denunciarsi

Mentre ancora si scava tra le maceria della cascina di Quargnento, nell’Alessandrino, si cerca di fare chiarezza su cosa sia accaduto questa notte. I carabinieri, e questa è la tesi più accreditata, hanno parlato di un intervento dei vigili del fuoco per spegnere un principio di incendio scoppiato all’interno di questa costruzione disabitata all’interno della cascina coinvolta. Una volta arrivati sul posto, però, la squadra di pompieri è stata investita da questa violenta esplosione che ha ucciso due di loro, ferendone un terzo. I tre vigili uccisi dall’esplosione avevano 47, 38 e 32 anni.

Quargnento (Alessandria), esplode cascina: morti tre vigili del fuoco

La seconda versione, al vaglio degli inquirenti che stanno raccogliendo informazioni su quanto accaduto a Quargnento, parla di una chiamata ai vigili del fuoco per una fuga di gas poco dopo la mezzanotte. Una volta giunti sul posto, poi, l’esplosione di quella costruzione all’interno della cascina e la tragedia che ha assunto contorni ancor più gravi. Gli inquirenti, però, non escludono l’ipotesi dolosa: sul posto, infatti, sarebbero stati ritrovati alcuni dispositivi di innesco che avrebbero provocato l’esplosione.

Le condizioni del ferito

Due dei vigili coinvolti nell’esplosione sono morti sul colpo, intorno alle 2 di questa notte. Il terzo, invece, è stato ritrovato poco dopo le 8, senza vita. La quarta vittima della deflagrazione che era stato data per disperso è stato ritrovato a terra con una ferita alla gamba che non dovrebbe essere di grave entità.

(foto di copertina: da profilo Twitter dei Vigili del Fuoco)