Perché la Lega ha messo tra parentesi ‘piazza della Posta’ accanto a ‘piazza Matteotti’ a Napoli

Quella piazza viene chiamata in due modi e c'è una ragione

di Gianmichele Laino | 08/09/2020

Piazza Matteotti

Matteo Salvini a Napoli il prossimo 11 settembre. Il leader della Lega terrà un comizio in Piazza Matteotti. Si tratta di uno spazio di fronte al cosiddetto Palazzo delle Poste, una architettura di epoca fascista che inizialmente dava il nome all’attuale piazza Matteotti. Che, un tempo – appunto -, era chiamata “Piazza della Posta“. Sul manifesto che la Lega Campania sta promuovendo sui suoi account social, l’indicazione topografica di Piazza Matteotti è accompagnata tra parentesi da quella più antica di “Piazza della Posta”.

LEGGI ANCHE > Matteo Salvini ha un k-way Pivert

Piazza Matteotti a Napoli, per la Lega Campania si chiama anche Piazza della Posta

Perché? Secondo Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage che ha dato risalto a chi ha fatto notare la doppia denominazione su Twitter, si tratta di un tentativo di ammiccare a un certo tipo di cultura:

La sfumatura tra Piazza Matteotti e Piazza della posta a Napoli

Quel luogo di Napoli, infatti, viene chiamato “Piazza della Posta” soltanto da chi si sente ancora legato al passato di quella piazza, non assimilando il nuovo nome del luogo, dedicato al deputato del Regno d’Italia che nel 1924 venne ucciso da un commando fascista guidato da Amerigo Dumini: di quell’agguato, lo si ricorda, Mussolini si assunse la responsabilità morale.

Sui social network, infatti, il dettaglio non è sfuggito. E c’è chi lo sta facendo notare. In ogni caso, per completezza di informazione, nel mini video promozionale che i canali della Lega nazionale stanno facendo girare per sponsorizzare l’evento del comizio di Matteo Salvini a Napoli, il vecchio nome della piazza (“Piazza della Posta”, appunto) non compare.